lunedì 12 aprile 2010

Ennio Abate/ Letterina postpasquale ai Moltinpoesia

Che rilassato andamento schizofrenico!

Che tenui dialoghi tra sordi!

Che belle divagazioni

da un pensiero sapienziale

(“La follia non è una faccenda per soli psicanalisti,

ma contiene risorse di contenuti preziose per tutti”)

ai dubbi sul dire o non dire

IO in poesia,

ai ricordi di antiche pasque,

alla segnalazione di nuovi poeti!


Poi d’un tratto

il flusso del discorso s’incanala e s’ingrossa

sulla questione delle liste o degli elenchi

con dotte citazioni,

versi mayooriani «in cui galoppa la bellezza»,

i «gustosi elenchi di Arminio»

così ben commentati (anche con acume sprecato a mio parere) da Donato (Salzarulo),

le attese “salvifiche” oramai dagli Echi e non più dagli Originali,

il frammento-barbaglio nichilistico della cara Giovanna

(“io, con accanimento distruggo me stessa”),

forse staccato dal contesto di altri messaggi a me non arrivati

per l’anarchismo delle mailing list personali.

E, infine, le (per me) benedette perplessità di Giuseppina (Broccoli)

su Eco e la sua nuova vertigine semiologica.

Di lei faccio in buona parte mio

il grido di dolore

(“Ma per favore, quale estasi?

Quale poetica c’è in una lista?”).

Che dire di più?

Invitare i moltinpoesia ad essere meno capricciosi e ondivaghi?

O a leggere i meditati e sicuramente più interessanti saggi di Leonardo (Terzo)

da lui vanamente segnalati?

O a ricordare le brutte notizie dal mondo

che dovrebbero fare impallidire i monaci

e le monachine della Poesia?


Ma no! I tempi[da molto tempo] sono cambiati,

[ i poeti]non domandano più nulla/dai poeti/

e [lasciateli] divertire!

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.