mercoledì 29 settembre 2010

POSTO DI MOVIMENTO di Augusto Villa




Notte magica
quella notte, fra i binari

a torear coi treni e
le stelle

gettavano rose
al buio delle lucciole.

3 commenti:

  1. Sintesi estrema e spaziature inconsuete descrivono un sentire profondo che oscilla tra tristezza e speranza sempre.

    G.P.

    RispondiElimina
  2. spettacolo!!!!

    Laura

    RispondiElimina
  3. Magica è la notte di Augusto e misteriosa:chi gettava rose? delle lucciole? Perchè torear?Un verbo "vintage" che sa di giochi adolescenziali,un ricordo senz'altro (che notte ,quella notte...) che si avvale di lucciole stelle e rose.Come a dire in poesia perle,pietre preziose.
    Alberto Accorsi

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.