venerdì 8 ottobre 2010

2 POESIE di Augusto Villa

Pensieri di notte
S'agita
il verde, mio
mare di fiele e
muta
è la rabbia
che sale
che cresce
travolge
tradisce

la notte

che svuota
sfinisce.


 Stiamo svegli
Stiamo svegli amore mio
per la magia di un cielo
che ne vale la pena,
stiamo svegli ancora un poco.
Allo sbadigliar del sole
nasceranno nuove stelle in mare.

1 commento:

  1. Grazia De Benedetti scrive:

    In "Pensieri di notte" la rabbia si sente e la scrittura spezzata accentua la resa della poesia. "Stiamo svegli" potrebbe sembrare un po' scontata, però vi si sente un soffio delicato ed è un flash vivido di un'esperienza che tutti possono richiamare alla memoria. Ma, soprattutto, mi piace l'immagine finale.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.