martedì 12 ottobre 2010

Sveva che nella luce danza 2

1 commento:

  1. Non ho sentito molto bene il testo della poesia, ma apprezzato il carattere "easy" della performance. Quale risultato per il pubblico se invece ci fosse stato un leggio, un raspare di voce e un gettare più in là una poesia? Un reading poetico?
    Il pubblico avrebbe pensato di stare alla larga: "roba" per specialisti arrivati alle medie, al liceo, all'università e in tanti altri posti riservati...
    Giuseppe Beppe Provenzale

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.