sabato 18 dicembre 2010

DIZIONARIETTO MOLTINPOESIA
Mario Mastrangelo
A che ce serve

















A che ce serve ca tu tutto guarde
e vire ‘e nuje ogni sbaglio e peccato,
pure si fatto rint’ ê nascundiglie
r’ ‘o scuro cchiù prufunno e scunfinato?
Ca ‘e penziere segrete ce ‘nduvine
pure si l’accuvammo
r’ ‘o silenzio pesante
sott’ a l’ammasso,
ca l’uocchio tuojo,  curtiello celeste,
tutt’ ‘e bisbiglie ‘e st’ànema trapassa?

Si t’hê ‘mparato a una a una ‘e ppéne
ca ‘o chiarore  r’ ‘e juorne
a nnuje fa truvà annanze,
mentre tu te ne staje sulo e te spiécchie
rint’ ô lluntano ‘e tutt’ ‘e lluntananze,
e saje a mmente ‘e vvie r’ ‘o chianto amaro
ca ce scavano ‘e ffacce,
pecché nun curre, ce viene vicino
e ce stringe cu fforza rint’ ê bbracce?





A che ci serve  A che ci serve che tu tutto guardi / e vedi di noi ogni sbaglio e peccato, / pure se fatto dentro i nascondigli / del buio più profondo e sconfinato? / Che i pensieri segreti ci indovini / anche se li nascondiamo / del silenzio pesante sotto l’ ammasso, / che il tuo occhio, coltello celeste, / tutti i bisbigli di quest’anima trapassa? // Se hai imparato a una a una le pene / che il chiarore dei giorni / ci fa trovare davanti, / mentre tu te ne stai solo e ti specchi / nel lontano di tutte le lontananze, / e sai a memoria le vie del pianto amaro / che ci scavano le facce, / perché non corri, ci vieni vicino / e ci stringi con forza nelle braccia?                      


                                   (testo inedito)

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.