lunedì 7 febbraio 2011

DIZIONARIETTO MOLTINPOESIA
Matteo Bonsante
Tre piccole liriche



ADAGIO CON MOTO
  
Dal mare sorge la luna.
improvvisa:
nella pienezza della sua
essenza
         circolare
                   tranquilla
                              onniveggente
e si disvela il mondo

le fragili frange
delle nuvole basse
agli orizzonti
gli stagni taciti
tra i canneti
i muschi, le raganelle
e le maree e i tetti
in marcia
nella fresca notte.
  
SENZA NOTTE

Schiume, incontinenza e sonno delle
cose.

(Non hai forbici. Non recidi
il passato. Non hai mani di fata
che possano slegarti e darti alla libertà
dell’aria. Del vento. Delle nuvole
che passano basse. Aperte. E che tornano a
sciogliersi. A cessare. Senza notte.

PRIMAVERA

Sulla battigia è il tempo.
- Col vento dei morti.
  
Il mare - scarabeo d’oro -
allarga l’aurora con le sue luci.

- Non chiedo dove approdi il giorno,
senz’ancora e senza orme.

da Bilico, Forum / Quinta Generazione, Forlì 1986

1 commento:

  1. La prima e la terza poesia mi sembrano le fresche annotazioni di un extraterrestre ( da non leggere negativamente però).
    La seconda poesia la capisco poco, sarà per via dell'incontinenza che a me fa venire in mente altre faccende.

    Grazie

    mayoor

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.