martedì 31 maggio 2011

DIZIONARIETTO MOLTINPOESIA
Emilia Banfi
Setteorequarantadueminuti














Sette ore e quarantadue minuti
d'inserimento dati
sette ore e quarantadue minuti.
Né uno di più né uno di meno.
Poesie nel cassetto
ogni tanto uno sguardo
ormai lo sapeva, quando arrivava
la porta cigolava
e tac, si chiudeva il cassetto.
-Marinari! L'ho beccata
poesie eh, poesie bene!
E i dati ? Marinari, i dati!
Poesie eh! DISTRAZIONI!-
Allora avviò coltivazioni
di piante grasse spinose
il davanzale, il condizionatore,
la luce al neon,
all'intervallo apriva
aria!
A casa non avrebbe potuto
le spine, il bambino,
la moglie, - Io le butto!-
Sette ore e quarantadue minuti
inserimento dati
sette ore e quarantadue minuti
né uno di più né uno di meno.
Belle spinose, grasse rigogliose
dritte, piegate, minacciose
le guardava , sentiva la loro
vendetta , pungevano impietose
nessuno le toccava,
-Marinari! l'ho beccata
 piante grasse eh! le bagna
 le coccola, ma sì ,come no!
 E i dati? Marinari i dati!
 piante grasse eh! DISTRAZIONI!-
Nel bagno delle donne
c'era un grande finestrone
e poi i loro profumi,
le chiacchiere d'amore,
le piante godevano,
si alzavano, alcune fiorivano
e lui poteva entrare ogni tanto
solo ogni tanto
le curava , le bagnava
e poi di corsa usciva
come un ladro da una banca.
Il gufo , un giorno era lì,
fuori, proprio davanti
-Marinari, l'ho beccata
 nel cesso delle donne  eh!
 E i dati? Marinari i dati!
 Cosa ci fa lei nel cesso delle donne!-
- Distrazioni, dottò DISTRAZIONI!-
 Sette ore e quarantadue minuti
né uno di più né uno di meno.
 BYEMY

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.