sabato 16 luglio 2011

DIZIONARIETTO MOLTINPOESIA
Emilia Banfi
Ul nòm

 
 
 
 
 
 
 
 
L' era propi na bèla cupièta
le  biunda cunti i oeucc
fresc de aqua nèta,
l'era in cumpra.
Lù magher e lung me la fam
al tegneva semper i man
sul pansciun dèla sua dòna.
Eren lì su l'utumana
a guardà un calendari,
a cercà  cun grand afàn
ul nom per ul sò nan.
L'era mascc lura al savevan,
ghe mancava dumà un mes
bisugnava vès decis,
l'era propi la volta bona
San Giuan, San Luis,
San Giusep, San Diunis,
San Peder, San Dunà
San Ruland, San Bernardin
Quanti sant, per un piscinin!
Alura an fà tanti biglietitt
i an metù in d'un scatulun,
gan dà un bel sbalutun,
ghe pareva de vès al lot
ma che bèla l'estrasiun!
L'è vegnù foeura San Sebastiàn
Sebastiàn? L'è minga brùt!
ma basta cunt sti sant!!
Fèm inscì pensèmig pù,
ul nom poeu ghèl darèm
quand in brascia al ciaparèm,
quand i eucc al dervarà.
L'impurtant chel sia san.
in chel mun chi de matt
apèna al nas
l'è già un Sant!
 
 
 *
Il nome    
Era proprio una bella coppietta, lei bionda con gli occhi fresci d'acqua pulita, era incinta.
Lui, magro e lungo come la fame, teneva sempre le mani sul pancione della sua donna. Erano lì sul divano
a leggere un calendario, a cercare con grande affanno il nome per il loro figlio. Era maschio loro lo sapevano, mancava solo un mese, bisognava essere decisi, era proprio la volta buona. San Giovanni, San Luigi, San Giuseppe, San Dionigi, San Pietro, San Donato, San Rolando, San Bernardino. Quanto santi per un piccolino! Allora fecero tanti bigliettini, li misero in uno scatolone, gli diedero uno scossone. Sembrava di essere al lotto, ma che bella l'estrazione! Uscì San Sebastiano. Sebastiano? Non è brutto! Ma basta con 'sti santi! Facciamo così, non pensiamoci più, il nome glielo daremo quando in braccio lo prenderemo, quando gli occhi aprirà. L'importante che sia sano, in questo mondo di matti appena nasce è già un Santo!
 

1 commento:

  1. Il dialetto mi confonde, non so mai se la saggezza stia nel linguaggio oppure sia tutta nel poeta. La verità non può che essere che quest'ultima, certo. Prima racconta, poi si chiude in un verso di poesia così forte da mettere tutte le cose dentro una luce chiarissima. Ed è condivisibile, anch'io penso che non abbia senso cercare di essere perfetti perché già lo siamo dalla nascita. Poi vabbè, magari ci si corrompe.

    mayoor

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.