sabato 30 luglio 2011

DIZIONARIETTO MOLTINPOESIA
Emilia Banfi
La scelta











L'avevamo portato
in una casa di riposo
non si poteva evitare
questa scelta,
freddamente
per non piangere
con lui presente.
Non si poteva evitare
ogni cosa nelle mani
era un'arma , una bomba
una guerra,
faccende vecchie
rabbie mai sopite
amare voglie, sconfitte.
Al morire disse piano:
-  Bambino buono
   stai fermo e zitto
   nel banco della scuola
   stai composto.-
Tirò un sospiro
la moglie rimasta sola.

1 commento:

  1. Certo che non lascia parole questa poesia. Ho seguito i cambi d'immagine, come si trattasse di una prosa maltrattata, maltrattata dalla poesia ma presente per il racconto. Vince la poesia.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.