domenica 7 agosto 2011

DIZIONARIETTO MOLTINPOESIA
Emilia Banfi
Dim cume te manget...

 









Se te guardet la gent mangià
te capiset la lur ment, ul lur pensà
anca cume pianten lì ul pan bucunà
ul risot in del piat avansà.
Se capis se vun l'è pueret
se l'è sprecun on gran sciurun
se ved de cume cumincen a mangià
cume pianten denter la furchèta
Se vun l'è amis o un imbruiun
quand a mangen fem atensiun
l'amis al parla e 'l ta guarda in di oeucc
anca quand al gà pièna la buca
l'imbruiun al te surid prima de mangià
al ta parla senza masticaà
ma sta aten a la pèrsòna fina
al pudaria ves la tua ruina.
Alura ben al vègna quel
che smagia la tuaia cunt un po' de vin
quel che te dumanda un alter piatin
quel che te dis che te sè na coeuga pruvèta
per turnà in alegrìa a fa tardi in cumpagnìa
per cantà mes indurmentà la solita cansunèta
- Nina si voi dormite
  sognate che io ve bacio
  e v'addorcisco er sonno
  cantando adagio adagio...-


Dimmi come mangi...
Se guardi la gente mangiare/conoscerai la loro mente, il loro pensare/come lasciano il pane addentato/il risotto avanzato nel piatto/. Si capisce se uno è povero, se è uno sprecone o un gran riccone/si vede da come cominciano a magiare/come piantan dentro la forchetta/Se è un amico o un imbroglione/quando mangiano facciamo attenzione/l'amico mangia ti parla e ti guarda negli occhi/anche quando ha la bocca piena/l'imbroglione ti sorride prima di mangiare/ti parla senza masticare/ma sta attento alla persona fine/potrebbe portarti alla rovina/Allora ben venga quello/che macchia la tovaglia con un po' di vino/ quel che ti chiede un'altra porzioncina/quello che ti dice che sei una cuoca provetta/per tornare in allegria a far tardi in compagnìa/
per cantare mezzo addormentato la solita canzonetta:/- Nina si voi dormite/sognate che io ve bacio/e v'addorcisco er sonno/cantando adagio adagio... .

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.