lunedì 21 maggio 2012

Massimo Caccia
Due poesie



*

Fine marzo, un sole che scalda e inganna.
Ho da poco smesso di far lezione: giovani
pigri, filosofiche tirate, appelli lontani,

e che bello ora, qui, musica del silenzio
sotto e qualche timida rima senza screzio
s’insinua tra le grinze arrossate del vivere


con giusta rabbia, poiché can che abbaia
Studio il mondo attorno, un’ombra di noia
vela stanchezza morale e che importa dire

per adesso, se non trovo peana d’impegno civile:
affonda lo stivale, lento inesorabile vile…

Non sono mai vissuto con senso di patria,
sangue e suolo, lingue dei padri io che crocido
tra domestiche mura una koinè di pianura,

una broda di novarese ed altro volgare  eloquio.
Mi sento umano spurio e di confine estremo,
il diletto del precario stare, in limine conviene,

poi l’attesa…Fuori è bello, luce del balcone
dove i butti del glicine avvinto alla ringhiera
ottengono il mio spirito indagatore.

Ho figli da crescere! Rinnova la nenia del dovere
dopo l’audace singulto della poetica franchigia.

*

Ho a fatica terminato di scrivere,
non so ancora il modo, ma è capitato:
una parola tira l'altra, ricordare,
voglia di raccontare, e poi sospirare
nel tempo ormai giudicato passato.

Un bicchiere di vino, alla fine,
fresco di frigo, aperitivo,
prima di venirti a stringere.
Una corsa, sono in ritardo,
ho rotto il silenzio narrativo,
sono andato al largo per gettare
le reti della beata vocazione
perdio e per come: arrivo!


8 commenti:

  1. Come minimo 'soddisfazione', io direi 'fiero'.
    Complimenti Massimo, di cuore.
    Cristiana

    RispondiElimina
  2. Prima di arrivare per come e perdio ai complimenti , vorrei dire che di queste due poesie , mi ha colpita lo stile, unascrittura direi "simpatica", nuova, una mescolanza di emozione che rivelano una bella persona e un serio molto serio impegno . Grazie e complimenti . Ora dico ciò che di più banale si possa dire , ma molto sincero: mi piacciono tantissimo! Emilia Banfi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite Emilia, le tue parole mi danno la ragione per continuare nella ricerca e nella scrittura. Se sono arrivato su questo blog, è perché ho voglia di confronti, critiche costruttive, crescita e quanto altro possa nascere dalla dimensione del dialogo poetico.
      Massimo Caccia

      Elimina
  3. Complimenti! "Spazio" più che meritato!
    trovo poi molto bello e pertinente il commento di Emilia Banfi. Soprattutto definendo la scrittura "nuova e simpatica" mi trova del tutto concorde.

    Cinzia

    RispondiElimina
  4. Sinceramente, io tanti complimenti non mi sento di farli. Questo universo "poetico" m'attrae poco, non perché stretto e privato, ma perché privo di sorprese, sia esistenziali che creative. Segnalo il verso: "Ho a fatica terminato di scrivere", perché a parer mio questa fatica la si sente ancora e tanto. Auguri.
    mayoor

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti non cerco complimenti, ma confronti e, dopo aver letto qualcosa di tuo, posso affermare di aver trovato quello che volevo: leggere altri diversi da me. Interessante cercare di scrivere senza aggettivi...un modo nuovo di portare avanti la ricerca espressiva.
      Ti chiedo: le sorprese sono così essenziali? E' una questione.
      Massimo

      Elimina
    2. Le sorprese di cui parlo non sono necessariamente di tipo esistenziale, hanno attinenza con la scrittura. Poco importa che le poesie abbiano contenuti universali, non sta all'autore stabilirlo, anche le forme diaristiche vanno bene. Va bene tutto, ma in qualche modo la creatività è sempre sorprendente. E non parlo di genialità o talento, parlo di invenzione. A parer mio, in queste due poesie qualche verso ci sarebbe, ma andrebbe scoperto e isolato, nel senso che se c'è è soffocato da una colloquialità prosatica troppo prudente.
      Spero di non risultarti antipatico, davvero. Dico ciò che penso, e mi fa piacere poterlo dire anche se ho il timore di fare danni e non vorrei. E mi piace il confronto, che non è certo ancora una vera critica. D'altra parte anch'io ho i miei casìni con la scrittura, la mia assenza di aggettivi è del tutto casuale ma poi ci ho ragionato. Qualcuno ha detto che se sei poeta sei anche critico...
      Ciao, grazie per le poesie.
      mayoor

      Elimina
    3. Grazie a te! Non sei assolutamente antipatico, anzi, metti la sincerità di chi crede nella poesia come gesto concreto. Mi fa piacere incontrare che sa mettere la giusta schiettezza in quello che scrive e pensa.
      Ciao.

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.