sabato 23 giugno 2012

Indarno da tempo
Pecunia non olet






I milanesi un tempo avevan fama
D’essere un po’ bauscia, però seri:
Persino in Borsa, per affari veri,
Bastava allora una stretta di mano.


Che cosa scopre adesso il Dalai Lama?
Che d’improvviso gli negano – oh no! – 
Per il timor di nuocere all’Expò,
Un onore del quale ha già quintali.


Che cosa avrebbe detto Vespasiano
Che ha dato il nome, fra i municipali
Celebri monumenti di Milano,


A quello ch’è rimasto senza eguali?
Che “pecunia non olet”? Beh, l’è vera:
Ma cosa avrebbe detto el scior Carera?
Indarno da Tempo


(22 giugno 2012)


*Nota per i  più giovani: “El scior Carera” è una statua di epoca romana, tuttora esistente, che per i milanesi è stata un po’ l’equivalente di Pasquino. 

6 commenti:

  1. Se po rit d'un pirla
    d'un ignurant
    d'un om sensa pretes
    d'un pover giangianes*

    Vuraria rit del noster Milan
    ma se po nò al ga ul coeur in man...
    e alura se pò piang un pò
    almen fin a la fin dè l'Expò.

    (*buono a nulla).

    Emy



    EmY

    RispondiElimina
  2. Indarno da tempo:


    La merda del Ciapìn

    A Emy


    “Ma dimm: l’è propi vera che i dané
    Spussen minga?” – “Sì, sì: l’è propi vera.
    Però a ti se te fann? Matina e sera
    T’ho mai vedù a ciapai: e adess perché?”

    “Ma propi gnent? Possibil? Gnanca on po?
    De pé, de brasc, de gombet, de ruera?
    Perché quand che te tochet on quaicoss
    On quaj odor on po te resta indoss.

    Per esempi, sti gent che de par lor
    Lavoren per el public, ai dané
    Che ghe passen pei man avanti e indré

    Ghe lassen minga el segn…?” – “Beh?...” – “De l’onor!
    De quel che fann per nun al dì d’incoeu!”
    “Questa sì che l’è bèla! Questa, poeu!”

    (26/06/2012)

    Nota. Questa composizione mi è stata inviata direttamente a nome del scior Carera, chiamato in causa in queste pagine. Tuttavia credo che più che l’ironia distaccata di Indarno da Tempo lo abbia scosso il commosso intervento di Emy, anche perché scritto nella sua lingua vera e naturale, che lui credeva estinta. Nonostante tutto, non credo che abbia bisogno di una traduzione. Rammenterò solo che “Ciapìn” in milanese è il diavolo. Credo perciò che il titolo alluda alla nota definizione di Martin Lutero del denaro come “sterco del Demonio”. (IdT)

    RispondiElimina
  3. Al caro Sig. Carrera e al caro Indarno da tempo con la riverenza:

    Cunsulasiun.


    Caro, ul mè car Sciur Carera,
    i danè piasen a tùcc beh
    disèmala in bèla manera,
    disèmala cuma l'è
    i sulduni ai sciuruni,
    i suldit ai puerit,
    nesùn a sa tira indrè
    l'è minga merda
    de schiscià sut i pè.

    Ma poeu ghè quel chel
    ciapa un po' pusè
    e alura - che scandal!
    lù si e mi no l'è giùst no-!
    E alura suta a rubà
    quel che l'è mè
    quel che l'è sò
    Sciur Carera,ga do un cunsili
    sa la ciapa no
    in noster danè in fort
    i lur danè in merda de cunili!

    Emy

    Se necessitasse traduzione richedetela io sono qui. ciao

    RispondiElimina
  4. Indarno da Tempo (27 giugno 2012 aggiunta):

    Dopo essermi un po' assentato con il cugino francese e con pratiche altamente sospette che mi hanno messo in contatto con lo spirito del scior Carera, mi rifaccio vivo di persona con un altro sonetto relativo alla questione del Dalai Lama. Bah! Bisogna prendermi come sono. Genus irritabile vatum. Un caro saluto

    PREVEGGENZA E COERENZA

    Gli onori formalmente attribuiti
    Sono, diciamo pure, inflazionati.
    Servono a chi li dà, non ai premiati,
    Ai conferenti, non ai conferiti.

    Ma non gli è bene dare la parola
    Senza avervi un pochino posto mente
    Perché, sia pure in materie da niente,
    Di quella un uom dabbene ne ha una sola.

    Non ci voleva poi tanto a capirla
    Che a Pechino potesse non piacere
    E il consol minacciasse ritorsione.

    Così la marcia indietro dà a vedere,
    Adducendolo a giustificazione,
    Ma chi lo sente gli risponde: “Pirla!”

    RispondiElimina
  5. Caro Dalai Lama
    sei tu di meritata fama,
    el sciur Carera poverino,
    ha voluto farci un pensierino
    - In Italia devi arrivare
    senza farti troppo notare
    ma siccome sei Signore
    non prendertela oh uom d'onore
    il sindaco
    ti ringrazierà di sicuro
    senza accorgersi
    d'esser stato preso
    per il culo!

    Emy

    RispondiElimina
  6. Indarno da Tempo

    AD MAIORA!

    Sur cette question qui regarde votre maire
    J’ai résolu: le mieux c’est de me taire.
    Si son exploit n’a pas été d’excellence
    Il faut quand même qu’il ait une autre chance.

    À lui de démontrer qu’il n’est pas con !
    À quelque chose, enfin, malheur est bon».
    Questo è quanto mi ha scritto mio cugino,
    Non senza simpatia per quel tapino.

    Non val la pena di leggere il resto,
    Ma il succo del discorso in fondo è questo:
    «È un buon uomo che ha fatto una cazzata,

    E a me sembra che ormai l’abbia pagata».
    Così pensa e ci scrive dalla Francia
    E a tutti noi questo messaggio lancia.

    28/06/2012

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.