martedì 25 dicembre 2012

Donato Salzarulo,
L’erba gramigna.


                        A Leopoldo

A liberare il grano dalle tante
erbe cattive, di solito
ci pensava mia madre.
Era un lavoro primaverile
per dare aria agli steli,
preservarli dagli abbracci infestanti.
«L’erba cattiva non muore mai...»
commentava spossata la sera
e alludeva alla gramigna
che l’aratura – certe volte lo scasso –
non aveva del tutto distrutto.

L’ho sempre saputo:
erano i suoi occhi
il mio assoluto.

Natale 2012

5 commenti:

  1. Ah Donato, bravo.
    c'è dentro la fatica e lo sforzo che ogni buona cura richiede.
    Grazie per questi auguri di Natale unici.
    Giulia

    RispondiElimina
  2. Apprezzo moltissimo la naturalezza del verso e dell'immagine . Dico moltissimo senza enfatizzare perché mi ritrovo empaticamente "a pelle" con un linguaggio che mi appartiene e in cui mi riconosco . Mi attribuisco arbitrariamente , in ogni caso idealmente la dedica " A Leopoldo ". Io sono molto ragazzino in queste cose e mi mettono allegria .
    Complimenti a Donato !

    leopoldo -

    RispondiElimina
  3. A Donato


    Era mia madre.


    Nel suo sguardo il mio errore
    nel mio errore la sua esistenza

    ma siccome fuori piove
    ascolto Chopin.

    Emy

    RispondiElimina
  4. "L'erba cattiva non muore mai", ma almeno a Natale c'è la speranza (o l'illusione)che tutti possano cambiare...
    Rimane, per fortuna, la certezza degli affetti veri, solidi come quello della madre.
    Con l'augurio di ogni bene
    Anna Maria

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutti per gli apprezzamenti.
    Caro Leopoldo, è chiaro che questa poesiola è dedicata a te. E' nata grazie ai tuoi versi.
    Grazie Emilia per i versi che mi hai dedicato. Sono belli e mi piacciono.
    Auguri a tutti.
    Donato

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.