martedì 25 gennaio 2011

DIZIONARIETTO MOLTINPOESIA
Ennio Abate
Lettera di lamento di Karl Bis
Da "IMMIGRATORIO" (inedito)












 Alla stazione si erano salutati commossi. Si interrompeva la loro lunga amicizia. Per anni si erano frequentati quasi ogni giorno. Adesso si erano tolti ai reciproci sguardi. Ora il filo residuo con SA erano le lettere di Karl Bis, che cercò di farlo tornare. Ma Vulisse, estraneo tra estranei, s’aggirava  per stazioni, strade e solo in qualche parco per attimi si  riposava, rimuginando quelle parole. Sì, erano moti di gabbia in gabbia i suoi e  sapeva che all’amico ormai giungevano opachi e indecifrabili. Lui dal presepe s’era tolto e accusava l’altro d’esserci rimasto  e di non intendere più quel suo dolore da supermercato, le acrobazie che faceva tra pensioni e strade, il vento di folla ignota che lo sfondava e  portava via la comune, giovanile elegia. La speranza sua stava in quel vento. Ma sentiva di esagerare quando diceva che l’amico era rimasto nello stagno, nella pausa, sotto i cieli calmi o le cupole gloriose da secoli inerti.

Per la comune miseria assieme condivisa
e il duraturo malessere che s’ammucchiò poi
alla rinfusa nei giorni, per la marcita di silenzio
ch’oggi copre quel passato, ripeterò ossessivo
il saluto, l’atto paziente e gentile della parola
dinanzi all’oscura maturazione che ti staccò da noi.
Una volta servì a vigilare - ricordi? -
sul continuo morire della vita circostante.


(Ma cumm’e fatt a te ne ì, a stà senza nuie?
Nun putive sta ccà, sì, miezz’a sta miserie?
Nu vire quanta marvagità s’accocchia juorne
doppe juorne? Cumm’uve abbandonate
a vita nun sona chiù. Ah, si te truvasse e te
putesse chiamà pe nnome! Tenghe pronte
na parole gentile cumm’a chelle ca mettene
tranquille e malate ca tenene paure e murì.[1])
Dove, a cosa davvero mira, ti chiedo
questa tua improvvisazione nel mutare?
Lascia maturare il tuo destino accanto a noi.
Tutto già cambia contro il desiderio di durare.
(Sa’ quanta vote t’aggia addimmannate:
addò vuò arrivà cu sta smanie e cagnà?
Tutte cagne e spezz’a voglie e campà.[2])

Pover’amico, in grafia convulsa t’agiti
e nel medesimo sobbalzo della tua  mente
in corsa resti. Graffia! Graffia le pareti
dell’altrui parole! Ma cosa può più dirmi
la tua fissa maschera rabbiosa del luogo
derelitto che t’accolse e se mi giudichi
vile lettore, mentre accorto e obbediente
io rimango alle verità vissute in comune?

(Che lettere agitate, povere guaglione!
O cirvielle te zompa, ma staie sempe
ao stesse poste a grattà cu l’onghie
o mure e parole ca l’ate t’aizene nfaccie.
E che me pò dicere ra  o fuosse scure
add’o te sì jettate  sta  faccia arraggiate?
Sò pauruse ? No, sule accuorte ae verità
ddoce c’avimme muzzecate ‘nzieme.[3])

Quando gli amici s’incuneano in stretti vicoli
di morte, un allarme suona.  Essi sudano e noi
prudenti tremiamo. E per sedare  i loro spasimi
furibondi ci caliamo sul volto un elmo di silenzio.
(Quande n’amiche se jette, cumma na lucertole,
rint’e vicule ra morte, scatte na molle. Chille
sure affannate. E nuie na smachere nfaccia
silenziose pe calmà e viscere ca spasemene.[4])

Ci abbandoni per colpirci meglio e ferirti di più.
M’auguro il tuo ritorno. Farò da argine allo scherno.
Non disfarti in fantasma! Non lasciarmi a decifrare
smarrito le tue impronte svigorite. (Tu te ne vaie
odianne a nuie e a te pure. Ma sempe m’aspette
ca tuorne. E male lengue nce pense je a tagliarle.
Nisciune te pò ‘nsultà. Nun sparì, nun me fa
girà sperdute su  sti poche signale lasciate.)[5]

Uno sterile  duello a distanza  malamente c’invecchia.
Una forza cieca e proterva  ti regge per vie strombate
e dentro luride pensioni. Nel mortaio della tua mente
solo cattiveria pesti e odi e rancori recitati.
(Une spall’all’ate nge facimme viecchie tutt’e duie
e sultante na pazzie arrraggiate te fà cumpagnie
pe chell’i vvie storte e dint’ae pensione sporche.
Là, iastemmanne, t’addurmenti ncopp’e cattiverie.)[6]


Sono rimasto, sì, fuggendo io pure da fermo.
Pacato e ragionevole, non mi sono lacerato.
Se lacerato, mi rattoppo. E sposto un silenzio
dopo l’altro, di continuo. Asfittico è il mio spazio
lo so. E non faccio che soffiare polvere d’ansia
nei suoi quattro angoli. E guardingo cerco
di conservarlo il grumo luccicante della nostra
amicizia.  Anche se non lo intendo più.

(Stonghe cà, ma pure je stò fujenne, accussì
ferme. Me songhe acquietate. Sto tutt’assieme
però. E pure si me spezzane, m’acconcie.
Aggie spustate dint’a sta camerelle ‘e ccose
ca s’erene fatte zitte zitte pa paure e tremavene
e ci’aggie levate a polvere pe salvà chillu
piezze d’amicizie ca ancora luceve. Mo 
o tenghe cu me, pure si nunn’o capische chiù.)[7]


Ah, sei tu il più audace nell’esporre i desideri,
l’avvampato nei giudizi, in pace sempre per poco, 
volto  all’utopia e che  buon’accoglienza dai
all’angoscia del mondo! La stringi - dici! -
in atti, scatti, zig zag imprevedibili. E il moto
a rilento delle nostre immodificate esistenza
da chissà dove miri e, tempesta, t’avventi, soffi,
sfrondi, i boschi della nostra malinconia.
(Sì, si sempe tu o chiù  ‘nziste! Si tu Vulisse!
Chille  ca parle e appiccia  fuoche e mai trove pace,
ca pensa a n’atu munne e se mette rint’e
a sofferenze e tuttt’e! Tu rice ca l’affierre
pure si scappe cumm’anguille. E  ncopp’a nuie, ca muvimme chiane e foglie cumm’a na fureste
malinconiche, nge suscie e nge strapazze.) [8]


Ma noi, prevedendo distruzioni, qui
ci conficchiamo e   resistiamo e curiamo
la tua e l’aspra vecchiaia del mondo
fin dal giorno assolato della tua partenza.
E quieti nel nostro rimorso, guardiamo
il mattatoio dove tu entrasti con ardore.
Tornerai? Ma sei ancora di un vivo
sfigurata ombra dell’amico mio?

(Nui c’aspettamme ruvine e cà
nchiudati aspettammo e curamme
a vecchiaia toia e chelle storte ro munne.
Ce tenimme o rimorse e spiamme
o macielle addo tu trasiste cu tant’a foie.
Turnerrai? Ma sì ancora chelle è nu vive
ombre amiche accussì sfigurate?)[9]



[1] Ma come  hai fatto ad andartene?/Non potevi restare qui, sì, in questa miseria?/ Non t’accorgi quanta malvagità s’accumula giorno per giorno?/ E come la vita di una volta non ha più suono e si ‘ inacidita come una vigna abbandonata?/ Ah, se potessi ritrovarti e chiamarti ancora per nome!/ ho sempre pronta una parola gentile/ come quelle che servono a tranquillizzare/ i malati che temono di morire.
[2] Sai quante volte ti ho chiesto  bisbigliando:/ dove volevi arrivare con quella tua improvvisa smania di cambiare?/ Per me dovevi maturare come fa l’uva vicino alla nostra vigna./ Perché tutto muta per conto suo e spezza il nostro desiderio di vivere.
[3] Mi hai scritto lettere tempestose, povero ragazzo!/ La tua mente  saltava, ma stava sempre nello stesso luogo./ Era inutile grattare con le unghie il muro di parole che gli altri ti alzavano davanti./ E cosa mi poteva più dire ormai dal fosso oscuro dove t’eri gettato/ quella tua faccia di morto arrabbiato?/ Tu mi giudicavi un vile/ ma io ero soto attento a non smarrire quel po’ di dolce verità/ di cui assieme ci nutrimmo.
[4] Quando un amico si slancia, come una lucertola, nel vicolo della morte,/ qua dentro scatta una molla./ Quello già suda affannato. E noi cominciamo a tremare [per lui]./E dobbiamo per forza calarci in faccia una maschera di slienzio./ solo così possiamo placare le visceri che spasimano.
[5] Te ne andasti odiando noi e te stesso. / Ma io sempre attendevo il tuo ritorno. / Avrei pensato io a zittire i malevoli. Nessuno avrebbe potuto insultarti. / Ma tu eri scomparso, un fantasma ormai. / Ed io pure mi aggiravo sperduto sulle poche tracce che avevi lasciato.
[6] Così, voltandoci le spalle, siamo entrambi invecchiati / e solo una follia rabbiosa / ti accompagnò per quelle vie contorte e nelle pensioni luride. / Lì, tra brontolii e bestemmie, t’addormentavi sulle cattiverie che facevi e ti facevano.
[7] Resto qua, ma, pur fermo, fuggo anch’io. / Ho spostato in questa stanzetta / gli oggetti che erano diventati silenziosi e tremanti / e li ho spolverati / per salvare il pezzo ancora luccicante della nostra amicizia. / Me lo conservo,  ma non l’intendo più. /Mi sono rassegnato. Mi tengo unito però. / E se mi spezzano, mi ricompongo.
[8] Sì, sei sempre tu il più deciso! Vulisse sei tu! / Quello che parla e dà fuoco e non trova mai pace,/ che pensa a un modn odvierso e si cala/ nella sofferenza di tutti! Tu dici di afferrarla/ anche se scappa come un’anguilla. E su di noi,/ che muoviamo piano le foglie come una foresta/ malinconica, soffi e ci sconvolgi.
[9] Noi attendiamo distruzioni e qua/ inchiodati aspettiamo e curiamo/ la vecchiaia tua e quella storpiata del mondo./ Tratteniamo il rimorso e spiamo/ il macello dove tu entrasti baldanzoso./ Tornerai?/ Ma sei ancora quella di un vivo/ ombra amica così tanto sfigurata?

4 commenti:

  1. Questa poesia piena di sentimento , amarezza, delusione,illusioni e grandi attese scritta bene e tradotta bene (in dialetto è stupenda). Ennio posso solo dirti : -mi piace veramente tanto!- Emy

    RispondiElimina
  2. Enzo Giarmoleo:

    ...una lettura piena di emozioni una scrittura intensa che raggiunge il lirismo. Un "Hai Bun", forma poetica sicuramente da adottare, che capovolge il concetto di poesia.

    RispondiElimina
  3. Grande Ennio. Nella tua poesia c'è tutto il trasporto e lo slancio del vivere là dove la vita ci ha collocati quasi distrattamente. La tua è grande sensibilità e intensa passione.
    Giuseppina

    RispondiElimina
  4. Very descriptive blog, I liked that bit. Will there be a part 2?
    My website :: car insurance quotes

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.