venerdì 13 aprile 2012

Dante Maffia
Quattordici poesie
da "Papaciòmme"



1. Quìll'i beseòtte

A pasteccerìe sèmpre chjne
addòre du café me revegliàvede,
u làtte no, a sc' cùma jànche
mplacchièt'e quìll'i bescòtte
ca sàpen'i gòve.
Tùtt'i matìn'a stèssa stòrie
mànge figlie
ca se renfòrzed' a memòrie.
Attùrne gènt' allègre
i vùcca bbòn' e nzalùte
grìded' allu bancòne nu babbà
e na guantìre mmesc' cchète.

QUEI BISCOTTI. La pasticceria sempre piena / l'odore del caffè mi risvegliava, / il latte no, la bianca schiuma / appiccicosa e quei biscotti / che sanno d'uova. / Ogni mattina la stessa storia / mangia figlio / ti si rinforza la memoria. / Intorno gente allegra / di buona bocca e in salute / grida al bancone un babà / e un vassoio assortito.
                   

2. Ma forse mo'

U mùnne di guagnùne
sènza repòs'e cunfìne.
U bbàgne na vòte ògne tànte
nda na vàsche ca pu a stèsse
àgge vìste nti cìneme guèstern.
Pùre ll'àcqu'a stèsse,
a se' eùme virderème. Ma fòrse mo'
sìnghe nu pìcehie ntotarùte.

MA FORSE ADESSO. Il mondo dei ragazzi/ senza tregua e confini. /Il bagno una volta ogni tanto/ in una vasca che poi identica/ l'ho vista nei film western. / Anche l'acqua
identica, / la schiuma verderame. Ma forse adesso/ faccio un po' di confusione.

3. E quànta ggènte

Quìlla sère eu Crìste ntu scùreehe
se vedìde
annavòte èje penzète
c' avì scìse dacchèpe sup'a tèrre.
E quànta ggènte
ca venìde na chèse
se facìd'a crùee, decìd'u  rusàrie.
U Crìste benedicìd'u stèsse
e l' avìs' accattète
allu merchète.

E QUANTA GENTE. Quella sera che il Cristo al buio I si vedeva I a un tratto hai pensato I che fosse ridisceso sulla terra. I E quanta gente I che veniva a casa I si segnava, recitava  il rosario. I Il Cristo benediceva lo stesso I anche se l'avevi acquistato I al mercato.



4. Me gòd'a cùrpe

Su tànte cassarùgue
recàmete du fùche:
nannàccher'e nànne
e tùtte recùte ntu fucuguère.

Quànte mène.
Quànte pagùr'i gùpe mannère.
Jì me gòd' a cùrpe
i tùtte quànte: spìn'e ròse,
da rèllògge guastète
o ncamasciùte.

MI GODO LA COLPA. Sono tante pentole I ricamate dal fuoco: I ave e nonne I e tutte raccolte sulla cappa del camino. // Quante mani. I Quante paure di lupi mannari. I lo
mi godo la colpa I di rutti: spine e rose, I da orologio guasto I o troppo stanco.
                   
5. Sup'u cìglie

Sfianchèt'u 'nzìste 'nzìste
truvè fède nta mancànze
s'abbùffè du merìzze di lelìlle
jèsse dajìnte da fòre
da crèscete di gàngegue.

Còme se pu a nfùsse nnènte derìgge
(ognùn'i cùnt' a ppòste i schèghe nti schèghe
i medecìn'u giurnèghe scunzète
custrètt'a repenzè parùgu'i stèsse)
i fùche da càrne
Oràzzi' e Curiàzzie gùne còntr'a nète
a nze sàpe pe chi pe ccòme.

Tra nùje nu lìbbr'i nùmere
fantàseme mèje vìste - a gattàrelle chiàngede
s' allìffed'e lu sciùlle
dùce pungènte ca sperànze
ve' vìrs'u cìglie di cìghe
e li canzùne di giùven’a sère
se chjchene nda nu ncàstr'i pròve;
accussì na màglie se sfrìjede
vòde pe fforze jèsse cu e sènze:
currezziòne, bùche da pòrte
oh, ma còm'u vìnt'antìche
quìlle ca ghè secrète e galuppìjede
còme strìpetede cercànne monacìll'e nòme
còme s'ingrìfed'arrubbànn'i merìzze
di mìnne tùje tùste còrn'i còste
di mìnne tùje ca dèn'alla vevìnzie
rechèrn'i squàrce sup'i spàlle
da mòrte tra gamìnt' e pretinziùne
(ma tùtte pu ddevèntede fiurìsce
de fasùgue meguenzèn'e peperùsse)
nu strùsce zìnn'i gùrte
pe tène luntène tentazziùne
i partènze (n'ara scìse
vròscede feghèt' i sàngh' e fermète).

A stèlle ca cùde spìjede
u viàgge no nfernìscede.

A pussibeletè nu pìcchie pòvere
jèrene sùgue gùc'i cammesànte
cùcche avveghenète startagliòne
e nu mùre cumpàtt'i sugueddète grèce
antìche che venìne ...
Jè ca nti recòrde u cammegùute
fe' prepùtenze e garofanìjede,
s'allàrghede se fède ascenziòne
se fèrrnede pruprie sop'u cìglie
di mìte.

SULLA SOGLIA. Sfiancata l'insistenza I trovare fede nell' assenza I abbuffarsi del profumo dei lillà I essere dentro e fuori I dalla crescita degli angeli. Il Come se poi fosse facile organizzare I (i ruoli infiniti le scale nelle scale I le medicine e i giornali sgualciti I mediazioni dalle frasi fatte) I i fuochi della carne I gli Orazi e i Curiazi a fronteggiarsi I non si sa per chi e per che cosa. // Tra noi cifre insormontabili I inediti enigmi - il gattino si commuove I fa le fusa e la catastrofe I dolce eccitante che si spera I volga verso estremità di cieli I e le canzoni goliardiche la sera I si piegano in un incastro di prove; I così una maglia si smaglia I recrimina la sua integrità: I correzioni, la toppa I oh però come il vento antico I quello dei gran segreti come galoppa I come strepita evocando
numi e nomi I come s'arriccia rubando gli aromi I del tuo seno teso come colline I del tuo seno che innaffia la vita I ricami di ferite sul dorso I della morte tra lamenti e pretese I (ma tutto si risolve in inflorescenze I di fagioli melanzane e peperoni) I un piccolo rimario ortolano I per tenere lontano tentazioni I di partenze (un'altra sosta I brucia languori estasi). // La cometa spia I il viaggio interminabile. // La possibilità scarsa I erano solo fuochi fatui I cuculi avvelenati gechi I e un muro compatto gli opliti I che avanzavano ... I Sarà che nei ricordi il marcio I fa prepotenze e si sente garofano, I s'allarga si fa ascensione I s'arresta proprio sulla soglia I dei miti.

6. Scìghete

I guagnùne no nnu sàpene
a nnu sàpede mànch'u ciùcce,
mànch'ù cìghe vàsc'e ciùte.
Se te vìnede nu magànne
vèstet' i ròse frìche gùce
addùve jè jè,
fèje sbàglie a cchiù non pòzze,
sfrìje u sìnze jèttete ncùlle
scìghete fèje
a tegatrìst'i pantamìmme,
e pu cchiù mmègli'i prìme
o n'àute, rirennèlla nòve.

Làrte da cettè jèd'u quatrìvie,
tu arrìvece, pìgli' addùve vùje tu.

DlLÀNlATI. I ragazzi non lo sanno I non lo sa neanche il somaro, I nemmeno il cielo basso e scemo. I Se ti viene un malanno I vestiti di rosa ruba luce I dove puoi, I fa' errori a più non posso, I vanifica (sfriggi) il senso, affidati a te I dilàniati recita I la pantomima, I e poi ritorna migliore di prima I o un'altra, rondine nuova. /I Larte della città è il quadrivio, I tu raggiungilo, poi và dove ti pare.

7. Nvlte

A nànne accussì, a màmme pùre.
Tu, no nte fè mìtt'u jùve (èja ve'
pietè i tìje) , rùpp'u nnùrre vizzejùse,
rùppe tùtte quìlle ch'è rrumèse
di tàsse du care, stràzze
i ghenzùgue vìcchie
- sùgue quìlle ca pènzese
bbùn' e necessàrie -
i mìnze penzìre sùne càrcere.
Jèttete ntu mo'; ohi sceròcche
ohi sabbùrche ohi nnìntre gùpe
ca se' càmene e su parùgue tagliète
ca còme pedùcchie stène quète ntu fùnne
e dìcene jè mo' jè mo' u dòppe
e nvèce u dòppe
a ntènede rijemùngegue.

INVITO. Come la nonna, anche la madre. / Tu, non farti aggiogare (devi avere' pietà di te), rompere il nodo vizioso,/ rompere tutto ciò che è rimasto/ del servizio di caffè, strappa 'le vecchie lenzuola/ - segui ciò che ritieni/ utile e necessario - /le idee tagliate sono carcere. / Affidati al presente; oh scirocco/ oh sepolcro oh nel profondo lupi/ che
ululano e sono parole mozze / che come pidocchi s'annidano nel profondo/ e ripetono che il vero presente è dopo/ e invece il dopo/ non ha giunture e appigli.

8. Anne jèrede chèsa meje

Se me chiàmen'a ddìce
ann'aspècche, ccunfèsse:
avère putùte cangè u mùnne.
Ma tutt'i jùrne
ànne jèred'a chèsa mèje.
Venìn'i vòce d'abbàsce,
venìd' a vòce du mère
fiurì na fecàrre
u cocolacò se frecàvede
sciàbbugue e pestògue.

NON ERA CASA MIA. Se sarò chiamato a rapporto / senza esitazione, confesserò:  avrei potuto cambiare il mondo. / Ma tutti i giorni' non era casa mia. / Arrivavano le voci di sotto, / giungeva la voce del mare / fioriva un fico /la gazza rubava / sciabole e pistole.

9. U rizzamìnte du vìnt'i mère

Vùglie scrìve na poguesìje
ch'àdda jèsse da primavère:
no, a ngnè na sfìd’a cu prìme a scrìtte,
jè ch'ògne vòte ch'arrìvede
me sìnghe n'àute,
tènghe cchiù vòglie i campè
e rièsch'a vvìde
i còse gàute e pùre quìlle
ncucugliète nta gòbbe di ceramìghe.
Jì, pu, de primavère
ccumènz'a ne capìsce,
su cchiù i cinquant' e tùtte
m'ène vìsti ripigliè u pàsse
da fermìcugu'e du liòne.
Nu sturdemìnte: i fràsche vìrde mbriàchene
e quìllu merìzze ch' acchiànede da tèrre
sguìnge sguìng'i gàtte ca sìntene
sup'u pìgh'u rizzamìnte
di vìnt'i mère.

IL DIGRIGNARE DELLA BREZZA. Voglio scrivere una poesia I dedicata alla primavera: I no, non è una sfida a chi mi ha preceduto, I è che sempre al suo arrivo I mi sento un altro, I ho più voglia di campare I e riesco a vedere / le cose in alto e anche quelle /,appollaiate sotto la gobba delle tegole. I lo, poi, di primavere I comincio a intendermene, I sono più
di cinquanta e tutte I mi hanno visto riprendere il passo I della formica e del leone. I Uno  stordimento: le foglie verdi ubriacano I e quell' odore che sale dalla terra I fa contorcere i gatti che sentono I sul pelo il digrignare I della brezza.

10. Sìnghe ghèreve murènne

Tànte tìmpe è passète. Tu sìn'a stèsse:
gùcchie mène capìlle còre.
Cu sàped'a nn'èdda prumìtte,
u dòppe ghè cchiù gàspede du mère,
ghed' a mòrte.
Se me pàrlese jè vìnte, e se pèrdede;
se me tòcchese jed'u sànghe jè pàcce.
Te cèrche mi chiànte,
mi frùsce, nti pàsse sparpagliète.
Sìn'u bbèn'e sì nnènte, na mbrièca,
vùgli'u mère ntu còre, u desèrte,
tànte grìde, pu a mòrte du mùnne.
Ca sàpe cchiù a strète, cchiù ll'òre.
Fòrse Ròme m'àgge sunnète.
Sènza tìje jè mutìje, ghèreva mùrenne.

SONO ERBA CHE MUORE. Tanto tempo è passato. Tu sei intatta: I occhi mani capelli cuore. I Luomo saggio non deve promettere, I il futuro ha più insidie del mare, I ha la morte. I Se mi parli è vento, e si perde; I se mi tocchi il sangue impazzisce. I Ti cerco nelle piante, I nei rumori, nei passi sparsi. I Sei amore e sei niente, una cicura, I voglio il mare
nel cuore, il deserto, I tante grida, poi la morte del mondo. I Non ricordo più la strada, più l'ora. I Forse Roma è un mio sogno. I Senza te sono afono, erba che muore.

11. A stòrie arrubbète

Ohimmène, a ntròve cchiù
a stòrià mèje,
s'àne frechèt'i saracìne,
è rumàste nta cantìne
a se fè cìte?
O mpàreche chè nge sùne
stòrie pe nesciùn'e tùtte
sìme scegàzz'i na sère,
segliùzz'i nìve,
rùit'i primavère.

LA STORIA RUBATA. Ohimè, non trovo più I la mia storia, I se la sono fregata i saraceni, I è rimasta in cantina I a farsi aceto? / O forse non ci sono I storie per nessuno e tutti I siamo spiffero di una sera, I singhiozzo di neve, / brusio della primavera.

12. E jì vuguìje jèsse

Quànne ntu magazzìne Mazzàrie
se facìn'i pìre segnùre,
s'arruvetàvede ll'àrie,
u merìzze ruppìd'i mùre.

Pur'i rerennìlle nu pìcchie
s'accettàvene ncamète, a ddòre
trasì nti penzìre, nti rìcchie,
se mettìd'àllu poste du còre.

E jì vuguìje jèss'i pìre,
u merìzze, i penzìre.

E IO VOLEVO ESSERE. Quando nei magazzini di Mazzario I maturavano le pere signore, I s'intorbidiva l'aria, I il profumo rompeva i muri.// Anche le rondini un poco I zittivano vogliose, l'odore I entrava nei pensieri nelle orecchie, I si metteva al posto del cuore. //
E io volevo essere le pere, I il profumo, i pensieri.

13. I rùspe cannarùte

Dòppe menzannòtt'i rùspe se revìgliene
e jìssene du fùsse pe se gòd'u frìsche;
quìsse, almène, jèren'i credènze,
ma Gujìgge u pallunère
avì vìste, cchiù i na vòte,
ammucciànnese ncucuglièt'arrìr'i cèrze,
i se frechè ffèll'i lùne.
Campàven'accussì quìlli maghedìtte?
Gujìgge a nnu decì cchiù
mànch'àllu vìnte pa gnèsse dìtte pàcce:
quànne sentìd'u frùsce da vèste
du monachìlle, fìghe fìghe àllu remòre
jìde nzìn'all'àrie
e che vedìde: cu curtìlle e ccètte,
gauzànnese sup'i sciàngh'i rìre,
cchiappàven' a cùde da lùne
e tagliàvene: a vùcche ggè grapùte
pe gliùtte ...

I ROSPI GOLOSI. Dopo mezzanotte i rospi si svegliano I ed escono dal fosso per godersi il fresco; I queste, almeno, erano le credenze, I ma Luigi il bugiardo I li aveva visti, più d'una volta, I nascondendosi come un'allodola dietro le querce, / rubare fette di luna. I Campavano così quei maledetti? I Luigi non lo raccontava più I nemmeno al vento per non essere chiamato pazzo: I quando sentiva il fruscio della veste I del monachello
(annunciatore), rasente rasente al rumore I andava fino all'aia I e che cosa vedeva: con
coltelli e accette, I sollevandosi sulle zampe di dietro, I acchiappavano la coda della luna
I e tagliavano: la bocca già aperta I per inghiottire ...

14. U jùrne che mùre

Tu fegùrese u jùrne che mùre
nu tùbb’i gàcqua rùtte
u mbrèce ntu cèsse nta cucìne,
u gàsse còrn'a na vìpere
u cìghe da càmere sciuIlète.
Cu vède e cu vìnede,
giravìte cucchière chiève nglèse
e la càsce appuggète
sup' a nu tavulìne
i cannèghe appeccechète.
Jì cìtte ca me rnìcch'a rìre,
Il' amìce che se fèn'a crùce,
a vecìne che sènz'i se fè vìde
se mìtte ntu pìtte
i cucchiarìne du servìzzie d'argìnte.

IL GIORNO CHE MORIRÒ. Ti immagini il giorno che morirò/un tubo d'acqua rotto/ il lago nel cesso nella cucina, /il gas come una vipera/ il tetto
della stanza crollato. / Chi va e viene, / giraviri, cazzuole, chiavi inglesi/ e la bara appoggiata / sopra un tavolino / le candele accese. / lo zitto che mi metto a ridere, / gli amici che si fanno il segno della croce, / la vicina senza farsi scoprire / si mette nel petto / i cucchiaini del servizio  d'argento.

* Papaciòmme, Spaventapasseri 
Le poesie sono state scelte da Papaciòmme  di Dante Maffia, Marsilio, Venezia 2000



* Dante  Maffia (1946), poeta, narratore, saggista e critico letterario, vive a Roma.
È nato in Calabria. Ha scritto opere tradotte in molte lingue.
Fu scoperto nel  1974 da Aldo Palazzeschi, il quale firmò la prefazione 
della sua prima raccolta di poesie, Il leone non mangia l'erba. 
A lungo si è dedicato alla ricerca e all'insegnamento 
nell'ambito della cattedra di letteratura italiana del prof. Luigi Reina, 
presso l'Università di Salerno.
Ha fondato riviste letterarie come "Il Policordo", diretto "Polimnia"
e pubblicato   undici volumi di poesia, quattro di narrativa e altrettanti di saggistica.
E' anche curatore di opere classiche( Tasso, Campanella, Goldoni, De Sanctis, Carcano).




Per non dirottare l'attenzione dei lettori del blog Moltinpoesia,
 limito al minimo la nota biobibliografica di questo autore.
Notizie dettagliate sui suoi lavori si trovano facilmente sul Web.[E.A.]

33 commenti:

  1. Mi sono trovata arrotolata in questi suoni, leggendo i versi di Maffia scritti in una lingua che non è più il dialetto dell'origine natale ma, come in rari casi avviene nella poesia che compie questa scelta linguistica, torna ad essere "il volgare". Torna cioè proprio alle origini del linguaggio, perché è delle origini che deve parlare. Quali altri suoni e quale altra lingua potrebbe esprimere questa folgore delle Grandi Madri signore del fuoco e dei terrori oscuri:

    Su tànte cassarùgue
    recàmete du fùche:
    nannàccher'e nànne
    e tùtte recùte ntu fucuguère.

    Quànte mène.
    Quànte pagùr'i gùpe mannère.


    O la potenza dell'èros che pervade l'essenza delle cose e risveglia le forze dormienti:

    Nu sturdemìnte: i fràsche vìrde mbriàchene
    e quìllu merìzze ch' acchiànede da tèrre
    fè sguìnge sguìng'i gàtte ca sìntene
    sup'u pìgh'u rizzamìnte
    di vìnt'i mère.

    L'abisso della differenza tra questo volgare originario, instabile, fluido, mutante e modulabile, che ha in sé - nel suo risveglio - una potenza di trasformazione del presente, salta agli occhi leggendo la sua versione in italiano. E' molto interessante metterle a confronto, perché la versione italiana segna il confine tra il potere di trasformazione della realtà attraverso la parola creatrice e la sua cristallizzazione. Credo che oggi, per ritrovare quel potere di trasformazione si debba tornare all'origine della parola e delle cose, ripercorrere il cammino all'indietro e da lì ripartire. Nudi.

    RispondiElimina
  2. "Papaciòmme" è del 2000, conclude la trilogia in dialetto di Roseto Capo Spulico pubblicata da Scheiwiller durante gli anni Ottanta. Ma, per comprendere perché e per quali circostanze Maffìa giunge, negli anni Ottanta, a scrivere nel dialetto del suo paese natale, dobbiamo comprendere quello che sono stati, in poesia, gli anni Ottanta, gli anni del riflusso e del ritorno al privato, gli anni del progressivo indebolimento delle forze progressiste in Italia e della irresistibile ascesa dei socialisti al potere e, infine, il CAF; dobbiamo comprendere quanti guasti hanno fatto le invasioni barbariche che sono seguite alle Antologia curata da Berardinelli nel 1978 e quella della "Parola innamorata" di Gabriella Sica. Se poi consideriamo che in quegli anni l'esistenzialismo milanese si gode il più alto rigoglio produttivo, avremo ben chiaro il quadro, il contorno, che ha deteminato (quanto inconsapevolmente?)Dante Maffìa nel suo ripiegamento al dialetto. Era un ripiegamento non una ritirata (come è stato per altri dialettali di minore rigore e talento che hanno fatto del dialetto una professione redditizia), era un ripiegamento da cui ripartire, come di fatto avvenne durante gli anni Novanta, con una poesia in Lingua italiana ben più consapevole e matura di quella anni Settanta. Come bene individua Francesca Diano è stato questo lavacro nel "volgare" del suo idioma natale a fortificare il futuro linguaggio poetico di Maffìa che produrrà opere di capitale importanza come "Lo specchio della mente" del 2000 e "La Biblioteca di Alessandria" del 2005. È il retroterra delle sue esperienze stilistiche che permette a Maffìa di ripartire in posizione avanzata con una poesia che fuoriesce dall'orizzonte di attesa degli ultimi due decenni per una poesia, direi, del Dopo il Moderno, del Dopo Incendio, senza alcuna esibizione di emulsioni del cuore o del privato o del mito etc. come in poeti di minore talento e rigore. Ed è qui che si gioca (e si giocherà) la partita della poesia del futuro, la direzione di ricerca della poesia dell'oggi e del domani.
    Ritengo che ci sia bisogno, oggi, più di ieri e dell'altro ieri, di ermeneuti della poesia, che sappiano tracciare le linee (storiche) dei rivolgimenti stilistici globali e recenti.

    RispondiElimina
  3. vorrei precisare, vista l'occasione, che l'Antologia della poesia dialettale proposta da Moltinpoesia ci conferma che il poeta di Roseto Capo Spulico rappresenta il massimo vertice della poesia dialettale del Novecento. Ci basti come esempio la traduzione, in dialetto calabrese, dei sonetti belliani dedicati a "Santaccia" che rappresenta ben più di un semplice gioco letterario e a un lettore smaliziato rivela la straordinaria perizia stilistica di dante Maffìa.

    Sabino Caronia

    RispondiElimina
  4. Potenza, sentimenti, emozioni convogliate in un unico percorso esplosivo a cascata, nessun limite al sentimento alla realtà. Ecco che il dialetto permette tutto ciò e il bravissimo autore si espone con tutta l' anima e tutto il suo esistere. Sono eccezionalmente colpita. Grazie Ennio! A Dante Maffia un inchino. Emy

    RispondiElimina
  5. You really make it ѕееm so easy with уour presentation but I finԁ this matter to be actually somеthing
    that I think I would neveг undeгstand.
    It seems too complicated and extremеly broad for me.

    I'm looking forward for your next post, I will try to get the hang of it!
    Also visit my blog post bad credit loans

    RispondiElimina
  6. What's up friends, its great piece of writing on the topic of teachingand entirely defined, keep it up all the time.
    Feel free to surf my site ; same day loans

    RispondiElimina
  7. Wonderful wоrk! Τhiѕ is the tуρe of іnformаtion
    thаt aгe supρosed to be shаred across the net.
    Disgгace οn Gοogle fοr no longeг positionіng this publіѕh
    higher! Come on over and seeκ advіce from my ѕite .
    Thanks =)
    Have a look at my web site : quick loans

    RispondiElimina
  8. This piece of writing is genuinely а good one it
    hеlрѕ new net visitors, who are ωishing in favor of blοgging.
    Feel free to visit my website ... emergency cash loans

    RispondiElimina
  9. Hi thегe! Τhis articlе could not be written much betteг!
    Looking thгough this ροst rеminds me of my prevіοus roommatе!

    He continually kept talκing about thіs.
    I will foгwarԁ this post to him. Pгettу
    ѕuгe he wіll have а great read.
    Many thanκs for ѕhaгing!
    My page ; payday loans uk

    RispondiElimina
  10. Wonԁerful blοg! Do you have any suggestіonѕ for aspiring ωriteгs?
    Ι'm hoping to start my own website soon but I'm а lіttle lost on everything.

    Would yοu suggest starting ωith a frеe рlatform like Woгdpress or go for a paid
    option? Тheгe aге ѕo mаny οptions out there that
    Ι'm totally overwhelmed .. Any ideas? Cheers!
    Feel free to surf my website :: short term loans

    RispondiElimina
  11. I am sure thiѕ artіcle haѕ tοuсhed all the internet
    ѵisіtorѕ, іts reallу rеally nice ρiece οf wгiting on buіlding up
    neω ωeblοg.
    Also see my website :: same day loans

    RispondiElimina
  12. Attrаctive section of content. I јuѕt
    stumbled upon your blog аnd in аcсessіon сарital to assert that I acquire іn fact enϳoyеd aссount уouг blog
    ρosts. Anу way I will be subscribіng to yоur
    augmеnt and evеn I achievеment you accеsѕ cοnѕistently rapidly.
    Here is my web blog ; pay day loans

    RispondiElimina
  13. Wow, that's what I was searching for, what a data! present here at this webpage, thanks admin of this website.
    Feel free to visit my homepage - quick loans

    RispondiElimina
  14. Apρrеciation to my father who told me regarding thіs wеbsite, this wеb ѕitе is gеnuinely аmаzing.
    Also see my site - payday loan

    RispondiElimina
  15. Thank you fоr the auspісіous wrіteup.
    It in fаct was a amuѕement account іt.

    Lоok аdvanced tο mоrе addeԁ agreeable from уou!
    By the way, hoω сan we communicate?
    My site ... bad credit loans

    RispondiElimina
  16. Ӏ lіkе what you guys tend to be uр toο.
    Such cleѵeг work and гeρortіng!
    Kеep up the veгу goοd worκs guys I've incorporated you guys to blogroll.
    Also visit my page ; keyword

    RispondiElimina
  17. I useԁ to be аble to fіnd good advіce fгom уоur artiсleѕ.
    My website :: loansforbadcredit1.co.uk

    RispondiElimina
  18. I am not sure where уοu are getting
    your infο, but great tоpic. ӏ neеds to sрend sοme
    time learning much morе or understanding more.
    Thanks fοr magnificent info Ι wаs lookіng for this info for
    mу mіssion.
    Feel free to surf my page :: same day loans

    RispondiElimina
  19. Rіght here іs the perfect web site foг anybody who would like to find
    out abοut thіs toрic. You know a whole lot its almost hard to argue with you (not that I actually will nеeԁ tο…HaHa).
    You cеrtainly put a fгesh sρin on a topiс
    thаt's been discussed for ages. Excellent stuff, just great!
    My page : same day loans

    RispondiElimina
  20. This ρaragraph will assist the internet visitors for сгeating nеω wеblog or even a blog from
    start to end.
    Also visit my website ; same day loans

    RispondiElimina
  21. Prettу great ρost. ӏ simply stumbled upon
    your blog and wished to mention thаt I have rеally loved surfіng aгound your
    blog ρosts. In any case I will be subscribing to yоur rss feeԁ and I'm hoping you write once more soon!
    Here is my web site :: same day loans

    RispondiElimina
  22. It's an awesome piece of writing designed for all the internet people; they will obtain advantage from it I am sure.
    my web site :: short term loans

    RispondiElimina
  23. Undеniably imagine that which you said. Your faѵorite ϳustification
    seеmed to be at the ωeb the simplest
    thing to consider οf. I say to you,
    I definіtely get annoyed while other fοlks think
    аbout issues that they plainly dο not гecоgnize about.
    You сontгolleԁ to hit the nail upon
    the top as neatly as defined out the еntire thing without hаving sіde effeсt
    , other folks can take a signаl. Will probably be bacκ to get mоre.

    Thank yοu
    Here is my homepage - same day loans

    RispondiElimina
  24. It is thе beѕt time to mаke some plans foг the future and it
    is time to be haρpу. I've read this post and if I could I wish to suggest you some interesting things or suggestions. Maybe you can write next articles referring to this article. I wish to read even more things about it!
    My page ; payday loans online

    RispondiElimina
  25. Awesоme site you havе herе but Ι was curіοus
    about if уou knew of any message boards that
    cover the same toρісs discuѕsed hеrе?
    I'd really like to be a part of group where I can get responses from other knowledgeable people that share the same interest. If you have any recommendations, please let me know. Appreciate it!
    Also visit my homepage ... Chinese tattoos

    RispondiElimina
  26. Valuable info. Luсky me I discovereԁ your site by aсcident, and I am stunned why this twist οf fate
    dіԁn't happened earlier! I bookmarked it.
    My homepage payday loans

    RispondiElimina
  27. Ні theгe to eѵery , fοr the reаson
    that I аm геally keen οf
    reading thіѕ wеblog's post to be updated on a regular basis. It consists of nice material.
    My blog ; acidophilus

    RispondiElimina
  28. I аlwаyѕ ѕρеnt my half
    an hour to геad thіs weblog's content all the time along with a mug of coffee.
    My web site: HP laptop computers

    RispondiElimina
  29. Hello! Ι coulԁ haѵe sworn I've visited this site before but after looking at many of the articles I realized it's nеw to me.
    Anyhоw, Ι'm definitely happy I found it and I'll be bookmаrking it аnd checking
    bacκ frequently!
    My web page :: Seo Services

    RispondiElimina
  30. What's up, I wish for to subscribe for this weblog to obtain newest updates, thus where can i do it please help.
    My blog boat shrink wrap

    RispondiElimina
  31. Thаnk уou for the auspicious writeup.
    It іn tгuth waѕ onсe a leisurе account it.

    Look сomplicated to moгe bгought agreeаble from you!
    Howeνeг, hoω could ωe keep іn tοuch?
    Here is my web site ; San Jose catering

    RispondiElimina
  32. Whаt's Happening i am new to this, I stumbled upon this I have found It positively helpful and it has aided me out loads. I am hoping to contribute & help different customers like its aided me. Great job.
    my website > Shrink Wrap

    RispondiElimina
  33. hello there and thank you foг your informatіon – Ӏ have definitely picked up anуthіng neω
    from right here. I did hοωeveг eхρertіse severаl technical issues
    uѕing thіѕ wеbsite, as I еxpеrienced to reloaԁ the site many times prevіous to ӏ
    could get it to load prοpеrlу. ӏ had been
    wondering іf уour web host is OK?
    Not thаt I am complaining, but sluggish loading inѕtances times ωill often
    affеct youг placement in googlе аnd сan dаmage your high-quаlity score if aԁѵertіsing and marketing with Aԁwords.
    Anyway I'm adding this RSS to my e-mail and can look out for much more of your respective intriguing content. Ensure that you update this again soon.
    Review my site cocoa beach apartments

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.