venerdì 20 maggio 2011

DIZIONARIETTO MOLTINPOESIA
Emilia Banfi
La galina

L'era na galina
cunt ul bèc malandà
un po' stort
cunsumà.
la ciciarava un po' tròp
la scavava fin in fund di ròp
la frùgava in del pulè
l'era semper in mesa i pè.
La fisava, la guardava
i galèt che la incuntrava
la se bùtava a pancia in sù
ma lur nanca na piega
nient da fà
ne  pudeven propi pù.
 Un di chel piuveva
de lì el pasava un bel tachin
chel viveva da dre la giesa
-Salta su sul mè grupin
 che te porti fin al mulin-
- Volentieri , mio signore
  mio grande salvatore!-
El saltava ul tachinun
cui sò bei sciampun.
l'era fort ,l'era bèl
e le la rimbalsava mè 'n balunel.
Ma poeu la cumincià a ciciarà
la parla dèla sua mama
del cuntadin e dè la sua nana
e che i sò amis galin
eran tut de cò piscinin,
del mangim che l'era amar
e del rali del sumar
che la svegliava la matina.
E l'andava a lasala andà
cun la vus urmai in surdina
El tachin la picà là na frenadina
Vuuum, l'è finida in d'una rungia
la galina puerina!
E lù l'è scapà in mesa a 'n prà.
Adès chi visin a la rungia
al voeur pasà
insèma ai ran che fan crà crà
se sent ciciarà la galinèla
che lè lì  a cùntà la storia
d'un tachin  disgrasià
che de lè al sè aprufità
la lasada lì al mulin
e poeu  l'è scapà in mèsa a 'n prà.
BYEMY

La gallina. - Era  una gallina/con il becco malandato/un po' storto /consumato/.Un po' troppo chiacchierava/scavava fino in fondo alle cose/frugava nel pollaio/era sempre in mezzo ai piedi/. Lei fissava/lei guradava/ i galletti che incontrava/si buttava a pancia in su/ ma loro niente/neanche una piega/niente da fare/non ne potevano proprio più./ Un giorno che pioveva,/di lì passò  un bel tacchino/ che viveva dietro la chiesa/_Sali su sul mio groppino/che ti porto fino al mulino-/-Volentieri mio signore, /mio grande salvatore-. Saltava il tacchinone/con le sue belle zampone/era forte, era bello/lei rimbalzava come un palloncello/. Ma poi incominciò a chiacchierare/a parlar della sua mamma/del contadino e di su figlia/e che le sue amiche galline/eran tutte teste piccoline/del mangime che era amaro/e del raglio del somaro/che la svegliava la mattina/.E andava a lasciarla andare!/Con la voce ormai in sordina/Ma il tacchino picchiò lì una frenatina/Vuuum. finì in una roggia la poverina!/ E il tacchino scappò in mezzo al prato/Ora chi vicino alla roggia/vuol passare/insieme al crà crà delle  rane/ sentirà chiacchierare la gallinella/che è lì a contar la storia/di un tacchino disgraziato/che di lei s'è approfittato/l'ha lasciata lì al mulino/e poi è scappato in mezzo al prato.

2 commenti:

  1. LUISA COLNAGHI:
    CONTRIBUTO ALLA GALLINA

    Complimenti a Emy
    ciao- Luisa



    Una Regina


    Candida di piume, coronata
    di rosso, secondo l’antica stirpe,
    incede leggera e svelta
    sul verde fra umidi fiori.

    Nell'ora precisa del giorno
    un richiamo ancestrale la riporta
    al nido, alla sua generazione:
    il miracolo della vita.

    Lei conosce il segreto
    di un'opera semplice
    l’arte misurata
    e perfetta di un uovo.
    .

    RispondiElimina
  2. ..."UN'OPERA SEMPLICE
    L'ARTE MISURATA
    E PERFETTA DI UOVO."

    Fantastico! Ogni gallina ha le sue caratteristiche... , ma l'uovo lo fanno tutte! Brava Luisa! Ciao Emy

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.