sabato 4 febbraio 2012

Ennio Abate
La polis che non c’è.
Su "Pergamena dei ribelli"
di Roberto Bertoldo



L’incontro del 31 gennaio 2012 del Laboratorio Moltinpoesia era intitolato La polis che non c’è. Tre modi di interrogarsi in poesia sul venir meno della polis e della società civile. Si partiva da tre recenti raccolte (la mia, Immigratorio; quella di  Roberto Bertoldo, Pergamena dei ribelli e quella di Gianmario Lucini, Il disgusto), chiedendo a ciascuno degli autori di pronunciarsi su quelle degli altri due. Pubblico per ora sul blog  i miei appunti di lettura sulla raccolta di Bertoldo. Successivamente pubblicherò quelli sulla raccolta di Lucini. Ed invito entrambi a rendere noti, quando possono e se vogliono, i loro. [E. A.] 

1. Vorrei che non parlassimo in generale sul tema della polis che manca, ma partendo dalle nostre raccolte recenti. In quelle cercherei i segni di questa mancanza, di questo vuoto (della polis, della società civile).

2. La ragione dell’accostamento, improvvisato ma non capriccioso o casuale, delle nostre tre raccolte si giustifica per un elemento che le accomuna: tutte e tre tendono a un bilancio, a un rendiconto: di un vita di un certo Vulisse[i]  e di un pezzo di storia dell’Italia (dal dopoguerra agli anni Settanta) la mia; di un’epoca più generale e senza date (Bertoldo); di un vicinissimo biennio 2009-10 (Lucini).

3. Che c’è al posto della polis  che manca? Lo dicono già i tre titoli delle  raccolte :
- Immigratorio allude a una sorta di esodo basso e senza  varchi verso uscite  speranzose o terre promesse; e si vuole “disciplina di un duraturo purgatorio”, dunque senza finale paradiso;
- Pergamena dei ribelli è una testimonianza “all’antica” (in senso positivo), scritta su un supporto (la pergamena o cartapecora appunto) di epoca preindustriale; e il suo autore è consapevole con lucida amarezza che sarà ignorata o svalutata (“Disprezzerete anche questa pergamena”….);
- Il disgusto rimarca  un rifiuto, un’insofferenza quasi fisica rispetto a fatti e personaggi di un presente che nega  e oltraggia ogni dimensione umana del vivere.

4. Esco da un equivoco. Non so se l’opinione sia del tutto condivisa da Bertoldo e Lucini, ma per me queste  tre raccolte non  rientrano nella categoria della  ‘poesia civile’ o della  ‘poesia dell’impegno’.  Ritengo oggi del tutto tramontata quella stagione politica (nei dintorni della Resistenza) che permise quel certo tipo di poesia. Non ci sono più i movimenti e i partiti che potrebbero far da spalla o da sponda a una tale prospettiva. Manca - appunto - la polis. Al suo posto, se volete, c’è una politica che è esclusivamente amministrazione e che tenta di conservare a vantaggio di nuove pseudo-aristocrazie l’esistente di una società capitalistica in disfacimento. La  hegeliana “società civile” è solo fiacca farsa, ridotta com’è dai suoi nostalgici fautori, ossequiosi  delle leggi della società dello spettacolo, ad etichetta televisiva. E, secondo me, senza un progetto politico forte e movimenti sociali forti, che oggi non si vedono,  non ci può essere neppure ‘poesia civile’ o poesia dell’impegno. Perché manca una riconoscibile tensione politica, culturale e sociale al tempo stesso verso uno scopo positivo,  ben individuato e solidamente pensato.  Noi come singoli - poeti o non poeti - possiamo dedicarci per ora soltanto a una infima e oscura opera di supplenza. Forse necessaria, ma senza alcuna garanzia di "incivilimento" o "rinascimento" o "risorgimento". Siamo forse come i monaci di un nuovo medioevo invaso e dominato da barbari, stavolta più tecnologizzati dei non barbari. Di fronte alla loro ottusità e cecità l’unica nostra "superiorità"  sta in una qualche memoria (non  intramontabile e in via di smarrimento anch’essa) dell’”azzurro respirato dai nostri padri”. È la memoria che resta agli sconfitti, ai “bastonati della storia”, costretti a muoversi nel  sottosuolo del presente. Da talpe più che cieche di quello che i potenti decidono e fanno in alto. Per quella memoria e per scommessa restiamo con accenti diversi (che andrebbero approfonditi) “esodanti”, dico io. O “ribelli”. dice Bertoldo. O “difensori dell’uomo” dice Lucini.

 5.  Se la polis manca, ci si può chiedere: cosa c’è, al suo posto , in sua vece, nei nostri versi? E vengo a dire la mia sulle raccolte dei miei due interlocutori di questo “trio” (improvvisato, come ho detto, ma non casuale, perché anche nel sottosuolo poetico e culturale e politico possiamo riconoscerci compagni di viaggio e misurare  vicinanze e distanze delle nostre posizioni).

5.1. Dico di Bertoldo. In Pergamena dei ribelli  vedo dominare lo spirito eroici stico e destruens  di ribelli ctonii e titanici. Se posso fare dei paragoni con autori  che ho in mente,  i ribelli di Bertoldo non sono quelli positivi del carducciano comune rustico, ma forse più vicini a quelli sepolcrali di Foscolo. In queste poesie abitano, infatti,  poeti-eroi. Di essi si parla. Si sono scelti (o sono stati prescelti?) in seguito a una non nominata esperienza di Sofferenza (“Abbiamo visto i nostri bambini/ aperti come zolle/ e avevano vermi bastardi anche loro”, 17), che li ha staccati dalla vita comunemente intesa (“Noi prediletti, abbiamo abbandonato la vita”,13).  Attraversano il “disastro” (14). Sono immersi in una “notte macabra” (18). Hanno avuto davanti  agli occhi paesaggi cupi (quasi preromantici), dove “ i corvi azzannavano le pianure”(14). Ma ora sono  capaci di “irriverenza”. Perché  hanno saputo aggredire “la divisa” (21): il mondo del conformismo e dell’ipocrita ubbidienza. Le loro mani “pestano la carta/ per l’ostia senza carne e per gli  sputi” (20). Ed essi invitano gli altri al canto (“cantate anche voi che non sapete/ quanto soffre un poeta”, 31), cioè a qualcosa di più passionale, che si distacca della comunicazione razionale e argomentante (“è per passione che ingiuriamo i troni”, 34). Sembra che mirino ad una imitazione di un Cristo extrachiesastico, un eroe anche lui, “che aveva il suo popolo nei nervi/ e la passione per gli ultimi” e che “era un corpo nudo” e  fu “tradito,/ da dio e dall’uomo!”(42). E, come il Cristo fustigatore dei mercanti del tempio, disprezzano i “pusillanimi poeti col cuore in ciabatte” (51). Sono dei “militanti”:  soldati della poesia e della bellezza (“noi vogliamo il foglio dove scavare trincee,/ anche chi scrive si prende le pallottole/ quando trova la bellezza e la innalza/come una baionetta” (51). Dunque tesi verso il tragico, dissacratori e distruttori (“Vogliamo una poesia che sdruccioli sui pavimenti insanguinati/ come le note di un pianoforte bizzarro/ vogliamo gli uomini che amino la bestemmia” (54).
Bertoldo fa una netta distinzione tra “ribelli” e “uomini mediocri”. Questi ultimi sono “padroni delle piaghe” e ingannatori, venditori “dell’anima” (8), “infami”. Hanno“visi grifagni” (9), intelligenza “di monete”; e, “quando s’affaccia tra i versi” il loro “muso beffardo”, rovinano al poeta le sue poesie. Dal Noi eroico, che parla al plurale come partecipe di una solida comunità (“Abbiamo visto le mani” ,18; “Sposteremo i muri con le nostre arche”, 19; “Abbiamo più mani di quanto servano per un abbraccio”, 28; “Vogliamo una poesia che sdruccioli sui pavimenti insanguinati”, 54; “abbiamo costruito così la nostra casa”, 58) si distingue, come dal coro degli affini della tragedia classica, il  protagonista: un Io-Poeta, che in singoli componimenti interviene in prima persona. È un Io forte, a tutto tondo, mai dubbioso, eroico anche lui, aggressivo. Un Io d’altri tempi, romantici direi. Si rivolge agli altri,  li sfida, li rampogna (abbondano i vocativi in queste poesie: “Voi uomini mediocri”, “Sappiatela la verità”, “Infami,…”).
Bertoldo  rivela nella scelta del lessico  e dei toni sempre alti e omogenei la sua adesione a una tradizione poetica alta (soprattutto simbolista mi pare). Parla  in nome di quella. Nell’apparente assenza di nostalgia, nella  fermezza di un rifiuto che si vuole “cruento” (25) ed è a volte un po’ statuario, non manca - credo a tratti - un certo estetismo nelle immagini: “La  luce ci osanna, l’arte/ ribella la campagna, la fa/ di un’ottava più bella” (23). La sua poesia tende al canto, alla declamazione, al gridato,  alla profezia, all’invettiva, quasi al delirio ispirato e rimbaudiano.
In qualche punto colgo persino un certo titanismo  futurista: “noi aggrediamo la divisa, /abbiamo irriverenza”. Eppure, malgrado la sincerità  e la forza del rifiuto - questa è la fraterna critica che mi permetto -  prevale una concezione sacrale della poesia, non a caso definita ‘ostia senza carne’:

La luna parla di questo acume,
si divincola dall’ombra:
voi sapete quale risorsa hanno i simboli?
Le mani di un  poeta  pestano la carta
per l’ostia senza carne e per gli sputi,
l’accusa è questa, invalidi d’amore:
un lago che accondiscende ai suoi canneti,
un cielo infranto, tutte le albe irrisolte!

(20)

Balena ripetutamente in questi versi l'immagine del poeta sacerdote, del poeta vate, intento a interpretare i sentimenti profondi della sua epoca. E vi colgo un’enfasi, una fiducia nella forza della  Parola poetica alta: “tutto sfarinerà sotto la nostra parola”, che lascia intimiditi e perplessi. Perché, a me che parlo di assenza della polis, Bertoldo  contrappone un antico rapporto con gli “altri”: quello del Poeta (vate) con il Popolo  in nome del ‘sangue che abbiamo versato in queste poesie’ (26). 
Ma cos’è il ‘popolo’ oggi? Me lo chiedo ancora più guardingo e scettico di un tempo, perché ho nella mia memoria  la lezione di Scrittori e popolo di Asor Rosa o la critica fortiniana al populismo di Pasolini.
Anche amore e morte - altra coppia nobile del romanticismo -  alimentano la carica  passionale, violenta e aggressiva che Bertoldo muove contro le debolezze dei “pusillanimi poeti col cuore in ciabatte” (51) o il “poeta da diporto” (38), che non sanno osare, che non vanno in mare aperto, che non sfidano le tempeste:

Gli occhi non comprendono  la bellezza
Se non quando le lacrime sono fatiscenti,
ma quale rovina fa belli i tuoi versi?
Tu sei un imbroglio senza sensi,
sei ladro che mette i semi nelle parole
dove la terra è spenta, ma senza pelle manchi di freddo e ruvido,
senza olfatto ti sfugge la puzza della povertà e della morte
e senza orecchie, mio poeta da diporto,
neppure la vita ti dona il suo canto.

Mi ha colpito a pag. 37  l’immagine dello ‘scarlo’ evocata in questi versi:

Tu, larva entrata nella storia,
ci rendi edotti della viscidità del sangue
mentre fai scarlo dei nostri cuori lignei.

Non sapevo che lo scarlo è il palo rivestito di erica e ginepro bruciato in segno di rituale ad Ivrea  a conclusione del Carnevale come simbolo di vitalità e di buon augurio. Ma ora trovo che il termine ben simboleggia la volontà di essenzialità, di assolutezza, di purificazione violenta che percorre la  poesia di Bertoldo. In essa ho trovato anche echi di un evangelismo irriverente e capovolto:

La tonaca dei versi mi sta stretta,
è una benedizione falsa,
Gesù era un corpo nudo
non c’erano rime sulla sua pelle
e aveva occhi offesi, tra il cielo
e la terra. Tradito,
da Dio e dall’uomo!
[… ]
togliete il sasso, ribelli!
distruggete l’emerita croce!
Con il suo legno [della croce] si son fatte librerie,
con la cenere dei morti si son fatti gli scrittori,
perlomeno salvate la poesia
oh voi che avete affrontato i secoli
per venire al nostro funerale.

(42)

Questo accostamento irriverente di religione e poesia, di ribellione e poesia a me pare correre il rischio di esaltare una funzione salvifica della Poesia (nel caso di Bertoldo distruttiva o vendicatrice, in altri più accondiscendente e irenica).  E mi s’affaccia il fantasma di Fortini   con la sua polemica contro “la sporca religione dei poeti”. Perciò, quando Bertoldo, in una delle poesie dove  il suo pensiero “soprastorico” (come lo definisce nella postfazione Sandro Montalto) sembra essere "bucato" dal richiamo a precisi eventi storici e affiora una critica evidente alla politica israeliana nei confronti dei palestinesi:

A cosa hanno portato quei tagli
nelle pareti della Palestina
e gli oliveti disfatti
come se la religione fosse un frantoio?

arriva ad affermare:

Tutte le poesie che accantonano il male
sono il suo crudele risvolto.
Noi vogliamo l’impoetico
se la vostra avidità di gazza
è sottaciuta dagli inni,
si faccia incetta di questo sale immenso
affinché i poeti urlino con le loro ferite
finalmente ecumeniche!

(43)

a me pare, malgrado tutto, che egli recluda i suoi ribelli-poeti nella dimensione del poetico. Sembra che quel suo “impoetico” debba spezzare la gabbia della poesia o sfuggire alla “poesia di cloaca” (53). E forse ci riesce. Ma in che direzione si volge?
L’impoetico cos’è, in fondo? S’avvicina forse all’impolitico. E per me non  basta che “i poeti urlino con le loro ferite”. Il paradosso di questi poeti-ribelli provo a spiegarlo così:  denunciare la distruzione del Capitale (che io nomino e resta, invece, innominato nel linguaggio di Bertoldo) dall’altezza di un nobile eroicismo e assegnare al poeta un compito di rottura impoetica/impolitica non intacca il rapporto decisivo che subordina oggi la cattiva poesia alla cattiva politica. Che sarebbero da combattere  assieme. Ma qui si aprirebbe un lungo discorso. E devo rimandarlo.




[i] Nome  che richiama sia l’Ulisse omerico sia il desiderio (vulisse in dialetto salernitano io lo rendo con ‘vorrei/vorresti’)
* I numeri tra parentesi si riferiscono alle pagine di Pergamena dei ribelli, Edizioni Joker, Novi Ligure 2011

10 commenti:

  1. 1. La pòlis non esiste più perché non c’è più la politica, o la politica non esiste più perché manca la pòlis? Se non esistono più, che cosa è subentrato al loro posto? Viene da rispondere: il “villaggio globale” e l’economia (la finanza, più che l’economia). Di fatto, il potere vero è quello finanziario. Chi amministra la finanza amministra la pòlis. La finanza ha regole inaccessibili al cittadino, incontrollabili dal basso. La finanza esprime una classe politica e la condiziona in una sorta di doppio legame. La finanza deve comprarsi la cultura, per avere consenso o, almeno, il silenzio e l’omertà. E se la compra, e così l’arte, e così la poesia.
    2 Che poesia è mai possibile nel tempo della finanza? Io credo due possibilità: a) una poesia “della” finanza, che asseconda questo stato di cose e tende, essa stessa, a farsi gioco di supporto, a costituirsi ad autorità di settore con delega di controllo, finanziata e benedetta dai poteri finanziari; b) una poesia neo-umanista, che parte dall’uomo (sa sotto in su, diceva Abate, ma non necessariamente). Non è necessariamente una poesia di pezzenti, dei ribelli con le pezze al culo (i “poveri”, dico io) che esprimono un sentimento che Nietzche avrebbe chiamato “ressentiment” (Genealogia della morale) ma una poesia di “ribelli”, come dice Bertoldo, di gente che stabilisce con la finanza un rapporto di potere, lottando.
    3 E quale arma avrebbero i ribelli per lottare contro la finanza? A mio avviso una sola: la rinuncia. Neppure la lingua, perché ormai la lingua è il codice meno usato nella comunicazione e, per forza di cose, diventa una lingua sempre più im-politica, globalizzata, spersonalizzata. Io trovo che la migliore arma sia la rinuncia. La “povertà”, appunto. Solo la povertà ci può salvare. ma non parlo della povertà con le pezze al culo, parlo di povertà come senso di equo scambio col mondo: tanto devi dare e tanto devi ricevere: non puoi avere più di quello che ti serve, perché impoverisci il mondo e dissipi il mondo. Una povertà, dunque, che è sinonimo di giustizia ma anche di libertà, perché chi non è ricattabile dal bisogno indotto, non concede potere a chi induce il bisogno.
    4 Parlo dunque di una poesia dei poveri, che parla di loro, che ne canta l’epopea, che ne costruisce l’epica, ne esprime l’elegia, il lirismo di chi è libero, la forza di chi sfida, il disprezzo per chi opprime, la coerenza di chi disobbedisce. Senza questa base, che è di critica (prima di tutto) alla cultura, non è possibile trovare un canto: si è troppo condizionati dalla storia, troppo impastoiati in regole inique e il canto non viene. E se ci si sforza viene stonato, falso, senza anima né personalità. Una poesia, dunque, alleata con il sentimento di giustizia, con l’orgoglio dell’eguaglianza, col sentimento di sfida di chi non ha nulla da perdere (la poesia, oggi, quella che si candida ufficialmente a diventare la letteratura del domani, è una puttana che ha troppo da perdere per dire cose vere. Questa generazione, se non ci svegliamo, passerà alla storia per la generazione più falsa e più lacchè della letteratura). Non importa se sarà una poesia di 100 copie a tiratura, ma almeno sarà una poesia vera e nessuno potrà dire, domani, che non c’erano ribelli, al nostro tempo, che tutti se ne sono stati zitti e hanno fatto da lacchè a chi finirà per distruggere il mondo e al confronto dei quali Hitler appare un’educanda, un po’ rozza forse ma meno letale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco un mio piccolo esempio, Gianmario, di poesia dei poveri, parla di loro e i fatti, purtroppo, sono veri


      Shamir racconta

      Ascoltate amici:
      l’hanno trovato dopo che
      disperso novant’anni suonati
      lo avevano dato al cimitero
      inginocchiato sulla lapide che bussava:
      torna ti prego sono qui per questo.

      Mia madre, mi dice, l’hanno “sparata”
      perchè era cristiana, miravano a lui
      e lei gli si è parata davanti...

      ora mangia solo il formaggio che lei
      aveva fatto per lui
      finito il formaggio...
      blu il cielo disperato la lapide bianca
      le lacrime agli occhi.



      Alberto

      Elimina
  2. ungarettiana ("Shamir racconta")....ma mica era tanto socialista, ungaretti, pero'...solo umanista. l'umanismo nasce nella polis. basta esserne parte. tuttavia anche rs thomas scrive della comunità politicamente e sociologicamente, e la sua cappella era in un villaggio in montagna: dunque per essere di sensibilità umanistica, devi stare tra la gente. (erminia)

    RispondiElimina
  3. umanesimo, pardon...(erminia), quando sto a Oxford divento soggetta all'uso di anglismi e qui si dice ……humanism....per umanesimo

    RispondiElimina
  4. Chiedo un pane morbido
    quello che piace ai vecchi
    ai bambini e a me
    da spezzare con loro come
    se fosse un grande dono
    di quelli che si fanno a Natale
    ma il poeta non ascolta il poeta
    bacio i suoi piedi e le sue mani
    niente altro gli chiedo
    se non arrivare a domani
    per scrivere un giorno
    una sola ora
    con un po' di quel pane
    ancora fra le mani.

    Emy

    RispondiElimina
  5. Hanno buon sapore le parole di questa Pergamena dei ribelli.

    L'indignazione scorre limpida e impetuosa, pura e immotivata tanto che, all'inizio, non capivo con precisione con chi ce l'avesse l'autore. Quindi mi ero rassegnato al fatto che proseguendo avrei letto di sentimenti privi di causa ed effetto, ma buoni per qualunque vertenza anche se estrapolati a casaccio.

    Ora che ho letto fino in fondo ritengo di aver fatto bene, infatti mi sono accorto che, procedendo, queste poesie di Bertoldo svolgono azione terapeutica modificando in modo, per me benefico, la gestalt del lettore. Da quel quel punto in poi ho cominciato a famigliarizzare con i personaggi, tutte le istanze si sono chiarite, e mi sono sentito pronto per sottoscrivere un patto con l'autore facendo anche mia questa Pergamena.

    Non mi considero un buon lettore, tantomeno di poesia, per via dell'insofferenza che da sempre mi accompagna e che mi fa abbandonare libri fin dall'inizio e senza alcun rispetto, se non mi vanno. In alternativa, e certo pagandone il prezzo, ho ingerito veleni fino a saturazione. Però in questo libro ho trovato parole anche adatte a me:

    Ci sono giorni in cui le labbra luride cantano,
    allora lavorano i fianchi le parole, escono di merda -
    e per noi la prova è l'infimo,
    chiazze di lungimiranza infettano i sensi,
    non c'è cazzo di vita nel vivere!
    e ci fa paura prendersela con i venti
    che scuotono sulla palpebra la notte dormiente,
    come quando gli aerei ci passano sulla testa per andare a colpire
    e sentiamo noi la scheggia che spezza i bambini degli altri,
    il peccato è anche questo essere risparmiati
    perché le nostre mani non sanno fermare la disgregazione
    di un paese, delle primavere, della paternità.
    Non voglio fare il poeta ma amare sì, cristo!
    bruciatemi le pergamene all'atto finale,
    ma questo cuore lo rispetterete fino all'inferno.

    Ah, dico io che sono avvelenato dall'infanzia, quel "escono di merda" come mi piace!
    E come non apprezzare quel "non c'è cazzo di vita nel vivere"…
    Lo so, in poesia non si fa, le bestemmie di solito se ne stanno tutte relegate nella parola bestemmia quando viene nominata. Il turpiloquio è pericoloso per il poeta, porta all'infimo (appunto), e per prosieguo può portare spesso verso altro torpiloquio. Bertoldo invece sa che può far bene, non teme, è attrezzato stilisticamente. Chi come me avesse scelto, o si ritrovasse nella condizione di usare un linguaggio bassissimo, è servito.

    Altre note:
    - personalmente sarei portato a chiedere maggiore stringatezza.
    Non avendo famigliarità col linguaggio della critica mi limito a qualche esempio:

    "Sposteremo i muri con le nostre arche,
    le terre saranno senz'altro l'ultima palude
    e i cieli provocheranno morbi" …

    Perché quel "senz'altro"?

    "mentre, come "invece" o "eppure" in altre poesie.
    E' per via di questi legamenti, che per altri si risolverebbero in punteggiatura, che parlo di stringatezza ( incalzante). Ma son quisquilie, e a pensarci meglio questo è tutto ciò che di prosastico ho trovato in tutto il libro. Chissà se son echi d'altre letture o scelte ben precise per semplificare lo svolgimento…

    - per contro ho potuto leggere versi di cristallina bellezza.
    Altri esempi ( ma ce ne sarebbero…):

    " La luce ci osanna, l'arte
    ribella la campagna, la fa
    di un'ottava più bella."

    " io voglio abbracciarti come un infame."

    "Ma ride il vento e noi non sappiamo
    perché ci scompigli i capelli,
    dove non abbiamo che tracce di pianto."

    "Sulle dita avete l'inchiostro, lo sappiamo.
    Lo sappiamo perché noi ce l'abbiamo nel cuore".

    In fondo, ma ad essere onesto per prima cosa, questa è la bellezza che vado cercando in tutte le poesie. Ed è anche per questo, perché non ne trovo spesso, che sono diventato un lettore insofferente.

    Grazie Bertoldo.
    Puoi contare sulle spade delle mie orde di Pinocchi.

    mayoor

    RispondiElimina
  6. Mayoor sei sempre da leggere, d'ascoltare.Quell'inchiostro nel cuore" è un vero miracolo e tutto il resto. Meditare fa vivere. Grazie Emy

    RispondiElimina
  7. Ennio:
    ...
    "Ma voi non sapete cos'è il sole
    che agguanta gli alberi, vi sfugge l'odore
    delle ferite, come trasudi di porpora
    la pelle che blandite con l'unghia del capitalismo"
    ...
    pag.58

    Ma ce n'è anche per i mistici:

    ...
    " ditelo come si spinge il vento
    verso l'astio della rena / aggiornate
    le metempsicosi, gretti mistici!"

    (pag. 73)

    mayoor

    RispondiElimina
  8. Roberto Bertoldo7 febbraio 2012 21:44

    Grazie Mayor per aver letto le poesie con il corpo, così come le scrivo. Poi possono non piacere, piacere, ecc., questo deve importare poco a chi scrive, non si scrive per piacere agli altri, ci sono modi molto più gentili per piacere a qualcuno. Le osservazioni che fai sono interessanti, così come lo sono quelle di Ennio, anche lui ha fatto una lettura come il suo solito molto intelligente.
    E’ da tanto che non parlo più di poesia in modo critico, la respiro, come quella di Ennio, di Gianmario, e di tanti altri. Come dissi quel nevoso 31, Immigratorio e Il disgusto (avevo letto solo Ballata avvelenata, ma l’ho letto ora, insieme all’ancor più attraente A futura memoria) sono libri che esprimono due forti personalità e oggi c’è bisogno di questo, non di una presunta bellezza.
    Con la Pergamena volevo lasciarmi andare all’insolenza stilistica e forse da qui le due parolacce, io che non le avevo mai usate in poesia neppure negli sguaiati anni settanta perché mi parevano retoriche. Forse lo sono, ma chi se ne frega oggi che è in atto la schiavizzazione di tutti i popoli. Certe considerazioni astratte sulla poesia non hanno senso, lasciamole ai figli di papà che stanno ereditando il potere dei loro nonni, anche quello editoriale.
    E lo dico anche a Linguaglossa, per quell’eccesso di valore che dà alla scrittura poetica vista dalla parte di un progetto, come se la poesia andasse davvero dietro alle poetiche e non queste dietro ad essa. La poesia non nasce dunque dalle poetiche e neppure dalla poesia, ma dai fatti. Ne sono prova gli epigoni, la loro voce resta impersonale, non si può plagiare il carattere, prima o poi un venduto si vende.
    Dopo che ho scritto la Pergamena, tre anni fa, ho capito grazie ad Alfieri cosa avevo fatto del mio stile lirico, nel senso dello strumento musicale e non dell’autobiografia. Ho capito che se la lirica canta, come dice Alfieri, e l’epica canta un po’ meno ma canta, come sostiene ancora Alfieri, è la tragedia che smette di cantare, come dice sempre Alfieri. Iperbati e anacoluti, che mi venivano di getto, ora so che avevano questa funzione naturale: la tragedia mi colpiva ogni parte del corpo e della mente, anche la lingua.
    Senza canto, non ci può essere dissonanza, quindi rappresentazione tonale del tragico.
    “Come potevamo noi cantare con il piede straniero sopra il cuore”, diceva Quasimodo. E invece possiamo, dobbiamo tentare di cantare, con il petto schiacciato e la voce spezzata, si, ma dobbiamo far sentire il nostro canto o il nostro aborto di canto.
    Io ho fatto cantare il popolo ribelle, non i poeti tout court come ritiene Ennio. Il popolo è poeta in sé, dobbiamo a Vico l’idea del popolo fanciullo poeta, perché genuino. Purtroppo non siamo genuini, ma la poesia, quella scritta con il corpo, lo è, sempre.
    Concludo il libro dicendo: “Disprezzerete anche questa pergamena / che snocciolo con la protervia / delle mie mani piantate sui muri / con contorni di sangue sanscrita”. Intendo che le mie mani (le mani dei ribelli), mentre sono al muro come poeta disprezzato, sono sporche di sangue perché hanno assassinato la perfezione poetica e, metaforicamente, le caste (“Sanscrita” viene da “Samskrita” che significa “perfetto, compiuto”, indica anche “perfezione grammaticale”; inoltre è la lingua parlata solo dalla casta superiore indiana).
    Ma non è spirito destruens, se pure lo sono le poesie ribelli (lo dice la parola, ‘ribelli’ non ‘rivoluzionarie’). Mentre scrivevo Pergamena dei ribelli, scrivevo il saggio Anarchismo senza anarchia. Lì c’è la parte costruens, riformistica (e nel pamphlet Chimica dell’insurrezione c’è quella rivoluzionaria). In me la poesia non sorge per ideologia, è alleggerita dell’intelligenza. La polis poi è, privata come oggi dei valori vitali, solo mafia legalizzata, contro cui il poeta può solo opporre la corrispondenza tra il suo dire e il suo fare, in una parola la propria ingenuità.
    Trattare la poesia con i criteri della critica significa quindi tracciare segni impuri sul suo candore.

    Roberto Bertoldo

    RispondiElimina
  9. Qui c'è sacralità. Sorprendente. Emy

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.