giovedì 29 novembre 2012

LABORATORIO MOLTINPOESIA

a cura di Ennio Abate

Incontro del 4 dicembre 2012, ore 18
  

L’amore e quantoamore nelle opere
di William Shakespeare
ovvero di
John Florio, Italiano, Siciliano, Messinese?
Un gioco delle carte condotto da
Giuseppe Beppe Provenzale
  
Palazzina Liberty
Largo Marinai d’Italia 1
Milano
(ingresso libero)


QUATTROCARTE




Quattro carte per non giocare sull’identità di William Shakespeare, o di “Will” come lo chiamava John Florio. Una città dove sono vissuti, un’altra città alle loro spalle, o alle sue spalle.

Una vecchia questione trattata con nuovi elementi, uno scetticismo costruttivo che rinvia uno dei due in Europa, forse in Italia, forse in una delle due carte coperte.
Beppe Provenzale vi invita a scoprirle insieme.

1 commento:


  1. E' un ramo il mio amore
    si spezza nel tempo
    non lascia che foglie
    a seccare.

    E' un ramo il tuo amore
    oscilla nel tempo
    non lascia che nidi
    a gelare.

    Emy

    Ciao Beppe.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.