sabato 30 ottobre 2010

DIZIONARIETTO MOLTINPOESIA
Mario Mastrangelo
'O ccuttone cu 'a vocca

 


Si putess'esse róce
'o mumento
c'avimm' 'a parte pe’ gghì rint’ â notte!
Si fra tutt' 'e mistere
c'attuorno â fine stritte s'arravogliano,
na cosa almeno putess'esse certa,
ca pe’ cchillu distacco nun se resta
a suffrì ancora e cchiù,
nterra, fra 'e spàseme,
com' ê ccóre tagliate r’ ‘e llacerte.

Ma a rompe 'o filo c'a 'o munno ce attacca,
fosse nu gesto morbido e leggiero,
chiuso mmiez'a nu vaso
'e tenerezza càvera e addurosa,
come a chillo
ca fa, spezzanno 'o cuttone cu 'a vocca,
na femmena quannn’ha fenuto 'e cóse.


Il cotone con la bocca - Se potesse esser dolce / il momento / in cui dovremo partire per andare nella notte! / Se fra tutti i misteri / che attorno alla fine si avvolgono stretti, / una cosa almeno potesse esser certa, / che per quel distacco non si resterà / a soffrire ancora di più, / a terra, fra gli spasimi, / come le code tagliate delle lucertole. // Ma a rompere il filo che al mondo ci attacca, / fosse un gesto morbido e leggero, / chiuso in mezzo ad un bacio / di tenerezza calda e odorosa, / come quello / che fa, spezzando il cotone con la bocca, / una donna quando ha finito di cucire.


da 'O ccuttone cu 'a vocca (Il cotone con la bocca), Ed. Ripostes, Salerno, 2000.




Mario Mastrangelo (Salerno, 1946) compone versi nel dialetto della sua città, ed ha pubblicato finora sei raccolte di poesie: ‘E penziere r' 'a notte (I pensieri della notte), 1992, 'E terature r' 'a mente  (I cassetti della mente),1994,'E ttegole r' 'o core, (Le tegole del cuore), 1997, 'O ccuttone cu 'a vocca (Il cotone con la bocca), 2000, Addó ‘e lume e ‘i silenzie (Dove i lumi e i silenzi) , 2004 e Si pe’ piacere appena appena parle (Se per piacere appena appena parli), Edizioni Prova d’Autore, Catania, 2007.



Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.