lunedì 18 ottobre 2010

L'ULTIMA LUNA é di Emilia Banfi

Sarebbe stato un contributo alla Poesia in tondo sulla Luna, ma Emilia é arrivata dopo come ultima preziosa presenza dei Moltinpoesia.

Lùna.                                       Luna.
I mè penser                              I miei pensieri
in cumpagn di niul                     sono come le nuvole
che de not pasen                      che di notte passano
davanti a la lùna                        davanti alla luna
che semper la sbarlùscia           che sempre risplende
sensa fa na piega                            indifferente
i a lasa andà                             le lascia andare
con un po de vent                      spinte da un pò di vento
chi a rùsa                                  ed io qui
e mi chi                                    a guardare
a guardà                                   a immaginare
a immaginà                               sconfitta                           
perdùda                                    conscia
ma sicùra                                  di non essere luna.
de vès minga lùna.                                                      

2 commenti:

  1. Cara Emy,
    hai ragione a voler essere precisa... il dialetto lo richiede (e anche la poesia). credo che il dialetto sia per te una buona strada di poesia. Fai caso magari a che la traduzione in italiano sia efficace quanto la versione dialettale... non ho resistito alla tentazione di proporre qualche ritocco alla traduzione (scusami, ma è perché la poesia in dialetto mi è piaciuta):

    I miei pensieri
    sono compagni delle nuvole
    che passano di notte
    davanti alla luna
    lei luccica sempre
    indifferente
    le lascia andare
    con un pò di vento
    che le spinge
    e io qui
    a guardare
    a immaginare
    sconfitta
    consapevole
    di non essere luna.

    ciao
    marcella


    Marcella Corsi (Roma)

    RispondiElimina
  2. Grazie Marcella,
    La tua traduzione è molto più appropriata ed efficace, l'avevo tradotta velocemente dando poca importanza alla trasformazione che deve essere sempre poesia. E' da poco che scrivo in dialetto, mi è venuta questa passione parlando e ascoltando il poeta Loi che ho incontrato a Saronno e a Como, un uomo con un animo stupendo. Ciao a tutti Emy. Accetto la tua traduzione e la faccio mia.

    SEMY (EMILIA BANFI)

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.